venerdì, Ottobre 30, 2020
Home > Sport in Pillole > Il giuliese Gianmarco Recchiuti ostacola il sogno della serie D del Real Giulianova

Il giuliese Gianmarco Recchiuti ostacola il sogno della serie D del Real Giulianova

Gianmarco Recchiuti, detto “il Tir”, giuliese di nascita e di cuore, giocherà domenica prossima con il Montorio88 contro i giallorossi. Il sogno nel cassetto di Gianmarco è di giocare nella porta di un Giulianova in serie C. Un sogno che porta nel cuore, fin quando, da ragazzino, andava a vedere la squadra giallorossa allenarsi sul campo del “Fadini”.

Il sole, il freddo, la neve, nulla gli impediva di presentarsi puntualmente a vedere la sua squadra. E poi sul pullman a ritorno dalla scuola, al bar dopo gli allenamenti, ovunque e in qualsiasi occasione l’argomento preferito con gli amici era sempre quello: il Giulianova. Tanto tempo è passato da allora e Recchiuti domenica si troverà di nuovo faccia a faccia con la sua squadra del cuore, ma questa volta come avversario.

Gianmarco ora gioca al Montorio88, in un ambiente caloroso e affiancato da uno staff tecnico preparato. Nato e cresciuto tra le fila del San Nicolò, fin da piccolo Gianmarco viene chiamato “Il Tir” e la spiegazione è semplice. Per fermare gli avversari è capace di qualsiasi peripezia. Classe ’98 con 188 centimetri di determinazione e buona presenza tra i pali, Gianmarco Recchiuti riesce a stringere un’alleanza con il Pescara, già all’età di 13 anni.

Sono stati 4 anni importanti quelli a Poggio degli Ulivi, trascorsi insieme al preparatore dei portieri Gianni Di
Giacomo. Grazie a lui, Recchiuti ha perfezionato i suoi buoni rinvii a terra e il suo attacco palla. Poi nel 2015 c’è stato il ritorno al San Nicolò, dove ha giocato quasi sempre nel settore giovanile e con qualche presenza in prima squadra.

Una carriera ricca di soddisfazioni, ma che purtroppo ha subìto un arresto a seguito di innumerevoli infortuni: metacarpo, menisco e dito. Gianmarco però è duro, proprio come il suo soprannome, e così domenica giocherà più
agguerrito che mai, anche se dall’altra parte c’è il Real Giulianova.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *