domenica, Dicembre 5, 2021
Home > Marche > Luca Fanesi migliora, il quadro: preso a manganellate

Luca Fanesi migliora, il quadro: preso a manganellate

luca fanesi

Ogni giorno che passa Luca Fanesi sembra migliorare. A confermarlo il fratello Massimiliano, che parla di piccoli passi. Luca reagisce agli stimoli, anche se ancora non parla. Ma ci sarebbero elementi in grado di far sperare in un rapido evolversi della sua situazione in positivo. Nel mentre si sommano le testimonianze e tutte dicono la stessa cosa: Luca sarebbe stato preso a manganellate con particolare violenza da agenti di polizia in servizio per la partita Vicenza-Samb, che si è svolta lo scorso 5 novembre.      .

Alcune testimonianze in particolare parlerebbero delle prime manganellate date alla testa. Non sarebbe quindi caduto da un cancello. I tifosi, chi direttamente, chi per terza persona, confermerebbero tutti la stessa versione: Luca avrebbe camminato a mani alzate prima di essere colpito e messo a terra. Certo, si tratta di elementi che dovranno essere dimostrati in fase processuale nel caso in cui la vicenda approdi in Tribunale.  In ogni caso le lesioni riportate dall’ultras sambenedettese sarebbero sembrate fin da subito poco compatibili con l’ipotesi della caduta da un cancello. Qualcuno parla di un agente alto 1 metro e 90 centimetri di corporatura robusta e di altri due difficilmente identificabili, di corporatura media.

Dopo le ormai note vicende, Luca Fanesi è stato posto in coma farmacologico, ha subito un intervento e ora, dopo essersi svegliato, sembra finalmente dare segni di miglioramento. “La cosa importante – dichiara il fratello – è Luca. E solo dopo l’accertamento della verità”.

Prima di perdere conoscenza, Luca avrebbe inoltre detto al personale medico del Pronto soccorso dell’ospedale di Vicenza di essere stato preso a manganellate. Dopo l’intervento disposto d’urgenza si è svegliato e solo ora reagisce. Adesso, un minuto dopo l’altro, si coglie ogni più flebile miglioramento. Esistono anche video, come anche quello mostrato nell’ambito del programma Le Iene nella puntata di ieri sera, che mostrano, anche se parzialmente, che cosa potrebbe essere accaduto. Ovviamente saranno gli elementi certi a stabilire definitivamente qual è la verità.