domenica, Dicembre 5, 2021
Home > Italia > Renata Rapposelli, la verità negli esami dei Ris

Renata Rapposelli, la verità negli esami dei Ris

< img src="https://www.la-notizia.net/ris" alt="ris"

La chiave del mistero della morte di Renata Rapposelli, pittrice scomparsa il 9 ottobre scorso e poi trovata cadavere a Tolentino, è racchiuso negli esami che i Ris effettueranno il 1° dicembre a Roma, alle ore 11.00, sul terriccio e sull’erba prelevati nel corso del sopralluogo in prossimità del fiume Chienti, con comparazione dei campioni presi dall’auto di Simone Santoleri.

Simone e Giuseppe, figlio ed ex marito della donna, sono indagati per omicidio in concorso ed occultamento di cadavere. Nel frattempo sono iniziati gli esami tossicologici ed un  ruolo di grande rilievo avrà anche l’esito degli esami del Dna predisposti con lo scopo di accertare eventuali tracce sul corpo della donna.

Di certo l’ipotesi dell’avvelenamento richiederebbe una sorta di premeditazione, in quanto si deve essere a conoscenza dei dosaggi per peso, prevedere eventuali effetti sulla persona e in ogni caso la morte avviene in maniera non immediata.

L’assenza di tracce ematiche rinvenute nei luoghi sottoposti a sequestro e perquisizione da parte di Ris e carabinieri, insieme all’esito dell’autopsia, confermano che non si è trattato di morte violenta (nel senso di colpi d’arma da fuoco  o fendenti) riscontrabile sull’apparato scheletrico.

Intorno alle 17.00 del 9 ottobre, secondo quanto dichiarato dalla farmacista di Tortoreto che avrebbe reso testimonianza, la donna avrebbe acquistato un calmante e forse strisciato il proprio codice fiscale. Da lì il buio. Si spegne il cellulare di Renata e si spengono, per essere riaccesi tre giorni dopo, i telefoni di Simone e Giuseppe.

Ora, le ipotesi che sono attualmente al vaglio degli inquirenti sono, oltre al possibile avvelenamento, il soffocamento e/o lo strangolamento. Gli esami dei Ris sul terriccio prelevato in zona Chienti serviranno ad appurare, attraverso la comparazione con quanto rinvenuto nell’auto dei Santoleri, se il corpo sia stato trasportato o meno dal veicolo fino alla zona in cui è stato rinvenuto il cadavere.