venerdì, luglio 19, 2019
Home > Italia > La nuova scossa di terremoto riaccende il problema: dove sono le casette per Marche e Abruzzo?

La nuova scossa di terremoto riaccende il problema: dove sono le casette per Marche e Abruzzo?

< img src="https://www.la-notizia.net/casette" alt="casette"

Nella notte tra domenica e lunedì la terra ha ripreso a tremare. Una scossa  di magnitudo 4.2 è stata registrata alle 00:34 vicino Amatrice, in provincia di Rieti, ed è stata avvertita da Roma alle Marche. Sarebbe durata per oltre oltre 5 secondi. Molte le segnalazioni pervenute da Ascoli, Teramo, Roma, Terni, Rieti, Macerata, Pesaro, Ancona, Pescara, L’Aquila e Perugia.

Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 8 km di profondità; l’epicentro è stato a 3 km da Amatrice, 9 da Campotosto (L’Aquila), 15 da Cortino (Teramo), 16 da Arquata del Tronto (Ascoli Piceno) e 56 km da Terni.  Il 24 agosto dello scorso anno la zona era stata colpita da un violento terremoto, che ha lasciato enormi danni e circa 300 morti.

Ora, è iniziato l’inverno. E fa freddo. Molti tra i terremotati del Centro Italia sono ancora collocati nei container. La richiesta complessiva è di circa 3.700 casette. Consegnate, a distanza di quasi un anno e mezzo, circa 1.300. Paola De Micheli, Commissario straordinario per la ricostruzione, promette che entro Natale sarà consegnato l’85% delle Sae. E se così fosse, ci sarebbero comunque enormi ritardi sulla tabella di marcia.


Nel frattempo, come ben evidenziato dal Corriere della Sera, la ricostruzione  è ferma. Sono state presentate nell’arco di un anno mille domande di contributo con cento approvate. Questo a fronte di 60 mila case da sistemare o ricostruire. Marche e Abruzzo, per quanto riguarda questo aspetto, vestono la maglietta nera. L’Abruzzo avrebbe visto la consegna di sole 12 casette.

Al 14 novembre la situazione era questa: 1.228 casette consegnate nelle aree del centro Italia colpite dai terremoti del 2016, di cui 624 nel Lazio, tra Amatrice e Accumoli, 316 in Umbria a Norcia e Cascia, una in Abruzzo, a Torricella Sicura, e 287 nei comuni delle Marche di Arquata del Tronto, Castelsantangelo sul Nera, Fiastra, Monte Cavallo, Muccia, Pieve Torina e Visso.
Complessivamente sarebbero 3.702 le Soluzioni abitative d’emergenza ordinate da 50 Comuni del cratere: l’Abruzzo ne ha ordinate 250 per 13 comuni, il Lazio 826 per i sei Comuni più colpiti, le Marche 1.843 per 29 Comuni e l’Umbria 783 per tre Comuni: Norcia, Preci e Cascia.
 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: