lunedì, Ottobre 21, 2019
Home > Italia > Tallio killer: in manette il nipote delle vittime

Tallio killer: in manette il nipote delle vittime

< img src="https://www.la-notizia.net/tallio" alt="tallio"

Tallio killer: scattano le manette, ad opera dei carabinieri di Desio, per Mattia Del Zotto, 27 anni, nipote delle vittime, su disposizione del Gip del Tribunale di Monza. L’accusa di cui deve rispondere è omicidio volontario e tentato omicidio. Sarebbe lui quindi, il presunto autore dell’avvelenamento da metallo pesante di un’intera famiglia di Nova Milanese, che ha portato alla morte i nonni e la zia.

Una svolta annunciata, questa, a seguito del rinvenimento tra le erbe di una miscela utilizzata per le tisane trovata nell’abitazione di Alessio Palma, 83 anni, e Maria Lina Pedon di 81, gli ultimi intossicati dal metallo e ad oggi ancora ricoverati all’ospedale di Desio. Agli inizi di ottobre erano morti per avvelenamento da tallio Giovanni Battista Del Zotto (94 anni), la moglie Gioia Maria Pittana (91) e la figlia Patrizia (63).

Le erbe sono state rinvenute nel corso dell’ultimo sopralluogo ad opera dai carabinieri di Nova Milanese. La sostanza non è stata quindi rintracciata nella casa della famiglia Del Zotto, dove abita anche Domenico, 55 anni, l’unico a non aver subito gli effetti del tallio insieme alla moglie Cristina Palma, 56 anni.


L’ultima vittima è stata Maria Gioia Pittana, 87 anni, moglie di Giovanni Battista, deceduto a poche ore di distanza dalla figlia Patrizia all’inizio di ottobre.

Giovedì 28 settembre, al rientro da Varmo (Udine), Patrizia Del Zotto, 62 anni, era stata ricoverata all’ospedale di Desio per forti malesseri. La donna, residente a Nova Milanese, era già stata in ospedale alcuni giorni prima ma era stata subito dimessa. A poche ore dal nuovo ricovero, tuttavia, è andata via, via peggiorando fino ad entrare in coma. Nella notte fra domenica 1 e lunedì 2 ottobre, è quindi deceduta nel reparto di rianimazione.

Poche ore dopo, è stato ricoverato in ospedale anche il padre, il 94enne Giovanni Battista Del Zotto: è morto nel pomeriggio, mentre sua moglie cominciava a presentare gli stessi sintomi da avvelenamento. Il tallio è un metallo pesante ed altamente tossico, presente in alcuni pesticidi e topicidi. La famiglia è molto nota a Nova Milanese.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: