martedì, Novembre 24, 2020
Home > Mondo > ALABAMA, MOORE SCONFITTO DAL DEMOCRATICO JONES

ALABAMA, MOORE SCONFITTO DAL DEMOCRATICO JONES

Alabama: Moore chiede il riconteggio dei voti. Trump, diplomaticamente, si congratula con Doug Jones, che a sorpresa ha strappato la vittoria ed il seggio in Senato ai repubblicani, sconfiggendo il favorito Roy Moore.  Quest’ultimo aveva avuto l’appoggio del presidente degli Stati Uniti malgrado la bufera seguita alle recenti accuse di molestie sessuali.  Ora in Senato gli equilibri si prefigurano più fragili. E per Trump si tratta di uno schiaffo sonoro, a cui reagisce sportivamente senza lasciarsi prendere dall’ansia.

 

Le sue parole, come sempre, sono affidate ad un tweet: “I repubblicani avranno un’altra chance per questo seggio molto presto. Non finisce mai!” Tuttavia è facile presumere che l’apparente serenità a voto chiuso in Alabama nasconda forti tensioni in questo momento alla Casa Bianca, in quanto, malgrado gli fosse stato consigliato di tenersi fuori dalla bagarre elettorale, ha voluto ascoltare il consiglio di Steve Bannon e scommettere su Moore.

Moore non era stata la ‘prima scelta’ del partito, e anche del presidente che alle primarie repubblicane aveva sostenuto candidato Luther Strange piu’ gradito all’establishment Gop. L’ex giudice conservatore Moore era invece più rappresentativo di quella fetta di partito che più si ispira ai valori di Steve Bannon, l’ex stratega di Donald Trump che infatti ha fatto campagna sul campo fino all’ultimo minuto.

Di certo la parte del leone in tutto questo l’ha fatta la notizia delle accuse di molestie sessuali: secondo il Washington Post Moore avrebbe compiuto abusi su quattro donne all’epoca minorenni mentre lui era un noto avvocato ultratrentenne.

Da lì è seguito un imbarazzante silenzio dalla Casa Bianca. Ma alla fine Trump ha deciso di sostenere Moore. Non dimentichiamo che anche sul presidente degli Stati Uniti sono state avanzate diverse accuse di molestie sessuali. E’ lecito pensare che questo possa essere stato un aspetto decisivo nella scelta finale. Di certo non si è trattato di una scelta azzeccata.

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *