giovedì, Ottobre 29, 2020
Home > Italia > IGOR IL RUSSO ARRESTATO IN SPAGNA: ERA IL KILLER DI BUDRIO

IGOR IL RUSSO ARRESTATO IN SPAGNA: ERA IL KILLER DI BUDRIO

< img src="https://www.la-notizia.net/igor-il-russo" alt="igor il russo"

Norbert Feher alias Igor Vaclavic, noto come Igor il russo e responsabile di due omicidi in Emilia-Romagna (Davide Fabbri e Valerio Verri), è stato arrestato in Spagna.

Dopo una lunga latitanza e ricerche, poi risultate vane in Italia, l’arresto – secondo quanto riferito dai carabinieri di Bologna – sarebbe avvenuto durante una sparatoria nella zona di El Ventorillo, nella quale sono morte tre persone, tra cui due uomini della guardia civil.

Lo scorso mese di aprile a Riccardina di Budrio, in provincia di Bologna, un barista rimase ucciso durante un tentativo di rapina. Si diede il via alla caccia all’uomo, ma Igor il russo era un maestro della fuga e non si riuscì a fermarlo.

La vittima si chiamava Davide Fabbri e aveva 52 anni. Il rapinatore entrò chiedendo denaro. L’uomo reagì, riuscendo quasi a strappare il fucile dalle mani del malvivente. Partì un colpo. Il malvivente estrasse allora una pistola e sparò al petto di Fabbri, freddandolo all’istante.

L’operazione spagnola che ha messo fine alla latitanza dell’uomo ha avuto luogo alle 3 di questa mattina a Cantavieja, nella provincia di Castellon, vicino a Teruel, nella comunità autonoma dell’Aragona. Ha purtroppo perso la vita anche José Luis Iranzo, che stava accompagnando gli agenti nella ricerca dell’autore di una sparatoria avvenuta il 5 dicembre scorso, in cui erano rimaste ferite due persone.

La polizia scientifica italiana, secondo quanto riferito dall’Ansa, avrebbe portato a termine positivamente  l’attività di riscontro delle impronte digitali rilevate ad Igor il russo e immesse dalla guardia civil nella banca dati europea Afis con quelle già in possesso della polizia italiana. L’esito è inequivocabile: la persona arrestata è proprio quella ricercata per gli omicidi commessi a Budrio (Bologna) e Portomaggiore (Ferrara), avvenuti rispettivamente il primo e l’otto aprile scorsi. L’uomo si era rifugiato in Spagna nel corso della lunga fuga.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *