martedì, Ottobre 20, 2020
Home > Mondo > Ufo, il Pentagono ammette l’esistenza di un programma per rintracciarli

Ufo, il Pentagono ammette l’esistenza di un programma per rintracciarli

< img src="https://www.la-notizia.net/ufo" alt="ufo"

Il Pentagono ha riconosciuto per la prima volta l’esistenza di un programma (non classificato ma noto a pochi) per indagare sugli Ufo. Lo scrivono alcuni media degli Stati Uniti.  Negli ultimi cinque anni dirigenti legati al programma hanno continuato a indagare su episodi riportati da militari.

Harry Reid ha lasciato il Senato quasi un anno fa, ma il programma del Pentagono che rintraccia gli UFO, che lui stesso ha contribuito ad avviare, è apparentemente ancora esistente ed operativo.

L’ex leader democratico del Nevada è stato determinante nell’avviare il programma di identificazione delle minacce aerospaziali avanzate, secondo quanto riportato dal New York Times.

Il programma è costato ai contribuenti federali 22 milioni di dollari dalla fine del 2008 al 2011.

Il New York Times ha riferito che la maggior parte del denaro è andato a una società di ricerca aerospaziale gestita dall’ imprenditore miliardario Robert Bigelow, alleato di Reid , la cui compagnia sta attualmente lavorando con la NASA per produrre veicoli estendibili ad uso umano nello spazio.

Funzionari della difesa dissero al Times che il programma, che indagava sui rapporti sugli UFO, terminò nel 2012. Era stato eseguito quasi in segreto da un funzionario dell’intelligence militare, Luis Elizondo.

Ma a quanto pare questo non ha comportato la fine della missione. Scrive il New York Times:

“Il Dipartimento della Difesa non ha mai riconosciuto l’esistenza del programma, che dice di aver chiuso nel 2012. Tuttavia, negli ultimi cinque anni, gli addetti al programma hanno continuato a lavorare su vari accadimenti relativi ad esso, mentre svolgevano anche gli altri compiti del Dipartimento della Difesa.

Non sorprende che il Pentagono possa tenere d’occhio i potenziali invasori provenienti dallo spazio.

Ciò che è insolito è che i membri delle forze armate possano farsi avanti pubblicamente, come accadde per un gruppo di ex ufficiali dell’Air Force che nel 2010 affermò la propria convinzione che gli UFO visitassero le loro basi e possano aver provocato un malfunzionamento temporaneo delle armi nucleari”.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *