mercoledì, Dicembre 1, 2021
Home > Italia > Blitz dei Nas a Torino nel bistrot di Cannavacciuolo: due denunce

Blitz dei Nas a Torino nel bistrot di Cannavacciuolo: due denunce

< img src="https://www.la-notizia.net/cannavacciuolo" alt="cannavacciuolo"

Prodotti congelati sarebbero stati presentati come freschi. E a finire nei guai stavolta, per mano dei Nas, è l’amatissimo personaggio televisivo Antonino Cannavacciuolo, che ha aperto da pochi mesi a Torino il suo bistrot. Spiccata una doppia denuncia per frode in commercio nei riguardi del direttore della ristorazione e della moglie dello chef, responsabile della società Ca.Pri. a cui è legata la catena di ristoranti, compreso quello di Torino.

Secondo quanto riportato dal quotidiano La Stampa, nell’arco delle ultime settimane Asl e carabinieri avrebbero dato il via ad una serie di verifiche e controlli nei locali più in di TorinoE nel mirino è finito anche il Cannavacciuolo Bistrot. Questa l’irregolarità che sarebbero state rilevata: prodotti congelati fatti passare per freschi sul menù. E sono così partite le denunce.  Cannavacciuolo è il noto protagonista della trasmissione televisiva “Cucine da incubo”, che lo vede risolvere situazioni disastrose nei ristoranti di tutta Italia.

“L’indicazione – spiega lo chef – si trovava in fondo alla carta. Abbiamo sbagliato, ma non c’era malafede. È corretto che i ristoranti siano sottoposti a controlli: ma se c’è menù non è scritto nel modo giusto, forse potrebbe bastare un avvertimento”.