venerdì, Gennaio 22, 2021
Home > Marche > Morì per una otite curata con omeopatia: medico sospeso per un anno

Morì per una otite curata con omeopatia: medico sospeso per un anno

< img src="https://www.la-notizia.net/otite" alt="otite"

E’ stato sospeso per un anno dall’esercizio della professione medica il dottor Massimo Mecozzi, l’omeopata indagato per omicidio colposo per la morte del piccolo Francesco, il bimbo di 7 anni curato per un’otite solo con farmaci omeopatici, e deceduto il 27 maggio scorso dopo un trasferimento in extremis nell’ospedale pediatrico Salesi di Ancona. Il provvedimento cautelare del Gip di Urbino Vito Savino e’ stato adottato, su richiesta della procura, per i gravi indizi di colpevolezza e il pericolo di reiterazione delle condotte seguite. Con Mecozzi sono indagati anche i genitori del bambino. Il Gip ha poi dichiarato la propria incompetenza sul caso, che verrà trasferito alla procura di Ancona, la città dove Francesco ha cessato di vivere. La sospensione del sanitario, notificata dai Cc di Urbino, è stata eseguita come misura urgente.

Francesco aveva solo 7 anni ed i genitori, in accordo col medico curante, ritennero opportuno ricorrere all’omeopatia piuttosto che a cure canoniche, sicuramente in certi casi più efficaci. E’ un caso, questo, che lascia ancora senza parole, come anche i casi di bambini sottoposti a denutrizione o malnutrizione (casi sempre più frequenti ultimamente) per la scellerata applicazione di abitudini vegane, ma non solo, su corpicini in crescita che invece hanno bisogno di tutti i principi alimentari. Forse sarebbe il caso da parte della Sanità di avviare controlli o comunque far sì che, per tutelare la sicurezza e la salute dei bambini, venissero elaborate norme restrittive da rispettare.

Francesco, morto all’ospedale Salesi di Ancona a causa di un’otite bilaterale dopo che per 15 giorni era stato curato solo con farmaci omeopatici (forse dopo qualche giorno l’allarme sarebbe dovuto scattare), ha donato la vita ad altri tre bimbi grazie al prelievo degli organi.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *