venerdì, Gennaio 22, 2021
Home > Marche > San Benedetto, gli alunni della “Marchegiani” finanziano il restauro di antichi documenti

San Benedetto, gli alunni della “Marchegiani” finanziano il restauro di antichi documenti

Nell’ambito del Gran tour della cultura, in corso di svolgimento in tutte le Marche con iniziative previste fino a febbraio, si è tenuta ieri mattina, nella palestra della scuola “Marchegiani” del Paese alto, una semplice cerimonia durante la quale, alla presenza della dirigente dell’ISC Centro Laura D’Ignazi, il sindaco Pasqualino Piunti e l’assessore alla cultura Annalisa Ruggieri hanno voluto ringraziare gli alunni delle quinte A e B che, grazie ad una raccolta fondi ricavata dalla vendita di oggetti da loro prodotti, hanno permesso il restauro di antichi documenti conservati nell’Archivio storico comunale.

Tutto nasce da una visita che, durante l’anno scolastico 2015-2016, le allora terze classi A e B della “Marchegiani”, fecero all’Archivio storico comunale che, come noto, è ospitato a Palazzo Piacentini.  In quell’occasione i bambini riuscirono a comprendere l’importanza e la differenza tra le diverse tipologie di “fonti” (scritte, iconografiche, orali e materiali), avviando così un’attività di ricerca storica su diversi argomenti del passato sambenedettese.

Per quanto riguarda i documenti scritti, i bambini compresero l’importanza della carta come supporto dove lasciare memorie e, anche, la necessità del restauro per tutti quei registri e vecchie carte deteriorati dal tempo.

È stato sufficiente che l’archivista storico Giuseppe Merlini raccontasse dell’iniziativa “Adotta un documento”, lanciata nel 2008 dall’Archivio di Stato di Genova, che le attivissime insegnanti Maria Tozzi e Patrizia Bollettini approntassero, durante l’anno scolastico 2016/17, un laboratorio manuale sulla carta per realizzare dei bigliettini augurali e piccole scatoline da vendere, dietro libera offerta, per racimolare una piccola somma da destinare al restauro di alcuni documenti dell’Archivio storico comunale.

“È una iniziativa che non ha precedenti nella nostra città e che darà sicuramente i suoi buoni frutti perché sarà la base, ne sono convinta, di altri e analoghi interventi del genere” ha detto l’assessore alla cultura Annalisa Ruggieri.

“Voglio ringraziare la dirigente scolastica Laura D’Ignazi, le insegnanti e soprattutto i bambini con le loro famiglie per un così “bel dono” da destinare al recupero della nostra memoria storica che arriva proprio durante le festività natalizie” ha aggiunto il sindaco Pasqualino Piunti.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *