domenica, Gennaio 16, 2022
Home > Italia > Bimbo morto a Cupramontana, l’ipotesi: strozzato a mani nude dal padre

Bimbo morto a Cupramontana, l’ipotesi: strozzato a mani nude dal padre

< img src="https://www.la-notizia.net/cupramontana" alt="cupramontana"

La mamma, incinta, è stata trasportata in ospedale in stato di choc. Il padre è sotto torchio da ore nella caserma dei carabinieri ad opera del pm Valentina Bavai. Il bimbo di 5 anni morto oggi pomeriggio in un’abitazione di Cupramontana, in provincia di Ancona, dopo l’inutile tentativo di salvarlo da parte degli operatori sanitari della Croce Verde, potrebbe essere stato strozzato a mani nude. E i sospetti ora si concentrano tutti sul padre, 25enne di origine macedone. L’uomo avrebbe da tempo problemi di natura psichiatrica. Ad indicare la modalità del decesso l’ispezione cadaverica esterna eseguita dal medico legale Mauro Pesaresi.

Non è ancora chiara del tutto la dinamica dei fatti. Secondo una prima ricostruzione, il piccolo potrebbe essere stato afferrato per il collo fuori della palazzina di tre piani dove la famiglia abita. L’ipotesi è che sia accaduto all’interno dell’auto del padre, nel frattempo posta sotto sequestro. Solo in un secondo momento il bambino sarebbe stato portato in casa ancora agonizzante. A quel punto sarebbe stata allertata  la Croce Verde. Purtroppo poco hanno potuto fare per il bimbo gli operatori sanitari, che hanno tentato di rianimarlo per circa mezz’ora.

Non sono state rinvenute sul suo corpo tracce di sangue, né segni immediatamente visibili di violenza, poi invece riscontrati sul collo dal medico legale. Le cause precise della morte potranno essere però chiarite solo dall’autopsia che verrà eseguita agli Ospedali Riuniti di Ancona.