martedì, aprile 23, 2019
Home > Marche > Dopo la separazione Natale senza i figli: li vede per la prima volta ora dopo 10 mesi

Dopo la separazione Natale senza i figli: li vede per la prima volta ora dopo 10 mesi

ASCOLI PICENO – Una storia purtroppo simile a tante altre, dove si ripete lo stesso scenario: due coniugi si separano e i figli perdono un genitore, che per la maggior parte dei casi è il padre. La vicenda si colloca in provincia di Ascoli Piceno. G.F, dopo una lunga storia d’amore ed il matrimonio, si separa pur non desiderandolo e perde la possibilità di vedere i figli.

La sentenza di separazione parla chiaro: affidamento condiviso. L’uomo non ha precedenti né di violenza né con la giustizia. Sono anni che non prende neanche una multa. Tuttavia, ben presto., con una scusa o con l’altra – bambini malati, circostanze che impediscono in ogni caso la visita – perde i contatti con i propri figli, entrambi adolescenti.

“Ho visto per la prima volta i miei figli – racconta – in questi giorni per un’ora in presenza della mia ex moglie presso un ufficio degli assistenti sociali dopo dieci mesi. Dopo la separazione non ho visto i miei figli per dieci mesi ed ho presentato una denuncia in tribunale. Il giudice ci ha detto di inviargli un planning degli incontri. Ognuno di noi ha inviato il suo. Vista l’impossibilità di trovare un accordo, il giudice ha rimandato tutto alla sentenza di separazione”.


“A Natale  – aggiunge – non li ho visti. Io non volevo separarmi ma sono stato indotto a procedere con una consensuale che doveva essere tesa al beneficio degli sgravi fiscali. Dopo un mese, quando è diventata effettiva, mi è stato comunicato che avevo una settimana di tempo per uscire di casa. Devo darle 550 euro mensili che da questo mese diventano 700 oltre gli extra. La cifra è stata interamente caricata sui figli”.

E ancora: “Mio padre, che è deceduto un mese fa, ha visto il nipote solo una volta prima di morire. Io e lei stavamo insieme da quando avevamo 17 anni. Ci siamo sposati in chiesa nel 2012. Io sto rispettando la legge ma a livello istituzionale non mi aiuta nessuno”.

A dargli una mano sono infatti solo persone che lo sostengono a livello personale, conoscendo la sua storia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: