giovedì, Ottobre 21, 2021
Home > Italia > Caso Alitalia: l’ennesima svendita di un gioiello italiano

Caso Alitalia: l’ennesima svendita di un gioiello italiano

bordoni
Anche Alitalia passerà alla Francia o alla Germania dopo la svendita che da anni viene perpetrata in relazione alle meraviglie industriali che l’Italia possedeva. Non a caso altri “gioielli” Italiani, frutto della nostra inventiva industriale, sono stati ceduti a stati esteri.
Solo per citarne alcuni: Cirio e tantissime altre industrie alimentari, per non parlare di Telecom.
Nel 2006/7 Prodi avrebbe voluto svendere all’Air France l’Alitalia; solo l’intervento fortemente voluto da Berlusconi, che divenne premier proprio a cavallo di quella inqualificabile svendita, riuscì a fermare l’accordo.
Un Intervento fatto con il cuore, ma abbandonato al proprio destino a causa di tutti i veti posti ad ostacolare una sana e reale ristrutturazione dell’azienda con un concreto progetto industriale.
Senza entrare troppo nel merito, si tratta però sicuramente di un valido spunto di riflessione: a guidare la cordata degli imprenditori SALVA ALITALIA, voluta da Berlusconi, era un certo imprenditore Colaninno, che spingeva per la svendita dell’Alitalia.
Non si può che rimanere perplessi nell’assistere alla totale sottomissione dei nostri governi che non tutelano le imprese del nostro Paese; ricordiamo fra gli altri il caso Fincantieri, altro gioiello italiano, che ha ceduto il passo alla nazionalizzazione dei cantieri francesi voluta dal presidente Macron e che ha di fatto esautorato la maggioranza Italiana.
Forse assisteremo alla definitiva acquisizione di Alitalia da parte della Francia appena sapremo dell’ulteriore svendita dell’ILVA, che il Governo sta effettuando (Ilva che rimane l’ultima azienda siderurgica Italiana, in un mercato dove da sempre tenevamo testa a quello tedesco).
Stiamo quindi vivendo uno smantellamento sistematico dell’industria Italiana a causa degli indebitamenti procurati da assurde strategie che hanno prodotto solo assenza di competitività.
                                                                                                                           Ettore Lembo
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net