domenica, Gennaio 24, 2021
Home > Marche > Porto Sant’Elpidio, carabinieri arrestano rapinatore di prostitute

Porto Sant’Elpidio, carabinieri arrestano rapinatore di prostitute

gaeta

E’ proseguita anche nel fine settimana l’intensa attività dei Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno che, a conclusione di diverse operazioni, hanno arrestato tre persone. In particolare:

  • a Porto Sant’Elpidio, a conclusione di una delicata attività d’indagine, i militari hanno arrestato un ventinovenne italiano, già noto alle Forze dell’Ordine, accusato di aver commesso nelle ultime settimane almeno tre rapine a danno di tre diverse giovani prostitute. L’attività, sviluppata dopo la denuncia delle vittime, ha consentito di accertare che l’uomo, fingendosi cliente, dopo essersi avvicinato alle ragazze per contrattare una prestazione, le scaraventava violentemente a terra, impossessandosi della borsetta e fuggendo poi in auto. I gravi indigi raccolto dai Carabinieri hanno consentito alla Autorità Giudiziaria di Fermo di emettere un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti del giovane che è stato subito nel carcere di Fermo;

 

  • a Spinetoli, i militari della Stazione di Monsampolo del Tronto hanno arrestato un nigeriano 35 anni, dimorante in quel centro, su ordinanza di carcerazione emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Ancona, dovendo espiare lo stesso una pena di un anno e nove mesi di detenzione per il reato di spaccio di stupefacenti commesso in Ascoli Piceno nel 2013;

 

  • a Sant’Elpidio a Mare, è stato posto in manette, su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Fermo su richiesta della locale Procura che concordava pienamente con gli esiti investigativi raccolti dai militari, un cittadino marocchino ventenne, conosciuto alle forze dell’ordine, già agli arresti domiciliari per i reati di minacce e lesioni. I militari hanno verificato e comunicato all’Autorità Giudiziaria che più volte, nel corso degli ultimi mesi, l’uomo era evaso dagli arresti domiciliari. Il Giudice disponeva perciò che l’uomo fosse portato nel carcere di Fermo.

L’azione dei Carabinieri, anche nel caso di Porto Sant’Elpidio, ha dimostrato ancora una volta che la collaborazione delle vittime consente di raggiungere immediati risultati. Tutti sono invitati a chiamare subito il 112, ovvero recarsi  personalmente in caserma per esporre denunce o soprusi di ogni genere, nonché contattare telematicamente l’Arma anche attraverso il sito www.carabinieri.it.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *