venerdì, Settembre 17, 2021
Home > Abruzzo > Pescara, donne: un bando del comune per conciliare lavoro e assistenza in famiglia

Pescara, donne: un bando del comune per conciliare lavoro e assistenza in famiglia

< img src="https://www.la-notizia.net/san-benedetto" alt="san benedetto"

Donne e lavoro, il Comune pubblica un bando per progetti di conciliazione.  Contributi che agevoleranno chi deve conciliare il lavoro con l’assistenza a un familiare

Pescara – Il Comune di Pescara attraverso l’assessorato alle Politiche Sociali, scende in campo per aiutare le donne che hanno necessità di conciliare il lavoro con un’attività di assistenza nel nucleo familiare. La presentazione di progetti che prevedano questo tipo di sostegno è infatti richiesta dal bando presente sul sito del Comune:

 (http://www.comune.pescara.it/internet/index.php?codice=119&IDbando=427&navOrigPage=119)

che scadrà l’8 febbraio prossimo. I soggetti, che vorranno rispondere, dovranno tenere conto di due linee di intervento: la prima è quella che prevede l’erogazione di contributi, sotto forma di voucher, in favore di occupate e disoccupate per l’acquisto di servizi di conciliazione da strutture specializzate, come cooperative sociali, associazioni e federazioni; con la seconda, invece, saranno realizzati progetti pilota di sviluppo e potenziamento del welfare aziendale.

La proposta, che si aggiudicherà il bando, chiarisce l’Assessorato alle Poliche Sociali verrà candidata dall’Ambito territoriale sociale (Ats) costituito dall’Ecad 15 (Pescara come capofila) in partnerariato con l’Ecad 16 Metropolitano e l’Ecad 17 “Montagna Pescarese” per concorrere all’avviso regionale “Piani di conciliazione”, intervento che rientra nei F.S.E. 2014-2020 e nel P.O. F.S.E. 2017 – 2019.

Si tratta di contributi che agevoleranno le donne occupate e disoccupate, per le quali la cura di persone a carico rappresenta un fattore di impedimento all’ingresso nel mondo del lavoro o alla permanenza. Per quanto riguarda il welfare aziendale, potranno essere introdotte forme di flessibilità degli orari e dell’organizzazione del lavoro, come ad esempio lo smart working e il telelavoro, ma anche offerte di servizi per l’infanzia o buoni per attività educate integrative per gli alunni, attività di cura dei disabili e degli anziani. Possono partecipare al bando associazioni datoriali e associazioni di lavoratori; fondazioni, in particolare grant making; associazioni di promozione sociale; cooperative sociali; associazioni/federazioni di volontariato costituite in Reti per la conciliazione, governate e coordinate dagli Ambiti distrettuali sociali. L’importo massimo del progetto non potrà superare i 216mila euro.

Le proposte progettuali dovranno pervenire entro e non oltre l’8 febbraio al Comune di Pescara –Settore Politiche per il Cittadino e Programmazione Sociale – P.zza Italia, 1 – 65121 Pescara.