martedì, Ottobre 26, 2021
Home > Italia > Pamela Mastropietro, la mamma a Mattino Cinque: “Abbiamo cercato di aiutarla, ma le famiglie vengono lasciate sole”

Pamela Mastropietro, la mamma a Mattino Cinque: “Abbiamo cercato di aiutarla, ma le famiglie vengono lasciate sole”

< img src="https://www.la-notizia.net/mastropietro.jpg" alt="mastropietro"

Per Luca Traini, 28enne di Tolentino finito in carcere relativamente alla sparatoria che a Macerata ha provocato 6 feriti, tutti stranieri, l’avvocato Giulianelli paventa la possibilità di avvalersi della capacità di intendere e di volere. Il giovane avrebbe dichiarato di aver compiuto il gesto, che ha seminato il terrore in città, per vendicare Pamela Mastropietro.

Il corpo della giovane è stato rinvenuto smembrato e chiuso in due valigie nelle campagne di Pollenza. Innocent Oseghale, nigeriano 29enne rinchiuso a Montacuto (stesso carcere dove si trova in isolamento Traini) è sotto accusa per occultamento e vilipendio di cadavere. Per quanto riguarda l’ipotesi di omicidio, sarà necessario attendere che sia fatta chiarezza sulle cause del decesso della giovane, originaria di Roma, che si era volontariamente allontanata dalla comunità Pars di Corridonia per poi andare incontro alla morte.

“Come l’anno spezzata  – dichiara la mamma di Pamela Mastropietro, Alessandra Verni, di fronte alle telecamere di Mattino Cinque – è ignobile. Non si dovrebbe sparare, non si dovrebbe uccidere. Però capisco che siamo arrabbiati. Che siamo stanchi. Adesso basta. Pamela era una persona speciale. Aveva voglia di vivere. Aveva intrapreso questo nuovo percorso. Aveva ricominciato a studiare. Voleva diventare una criminologa. Era felice. Pamela non si era mai bucata. Odiava le siringhe. Quello che dice il nigeriano per me ha poco valore”.

“Come famiglia – prosegue – abbiamo cercato di aiutare Pamela in tutti i modi. Ma le famiglie in questi casi vengono spesso lasciate sole. Non c’è una rete tra le varie strutture. Siamo sempre stati noi familiari a cercare aiuto. Avrei tanto voluto che potesse essere felice”.

Da giorni Alessandra Verni affida i suoi pensieri a Facebook: “Pamela era dolce e sensibile, fan di Fabrizio Moro”. E ancora: “Questa ragazza poteva essere chiunque. Cercate di capire chi è la bestia che me l’ha fatta a pezzi. E non aggiungo altro”.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net