martedì, Ottobre 19, 2021
Home > Italia > Omicidio Rapposelli, il gip: “Giuseppe Santoleri ha inscenato il suicidio per evitare gli interrogatori”

Omicidio Rapposelli, il gip: “Giuseppe Santoleri ha inscenato il suicidio per evitare gli interrogatori”

< img src="https://www.la-notizia.net/gip.jpg" alt="gip"

Secondo il gip hanno agito con “scaltrezza, con modalità non cruente, e, dunque, senza lasciare alcuna traccia ematica; hanno programmato una versione (il falso viaggio a Loreto) per allontanare il più possibile i sospetti su di loro; hanno sottratto il cadavere tenendolo nascosto e poi trasportandolo a molti chilometri di distanza da Giulianova; si sono adoperati per sottrarre Giuseppe Santoleri alla “pressione degli interrogatori” sia subito dopo la denuncia di scomparsa (attraverso il primo ricovero in ospedale) sia dopo il ritrovamento del cadavere (attraverso l’inscenamento del tentativo di suicidio, con conseguente secondo lungo ricovero)”.

Renata Rapposelli aveva confidato alle persone a lei più vicine che nella giornata del 9 ottobre si sarebbe recata a Giulianova in quanto l’ex marito Giuseppe le aveva inviato dei messaggi attraverso i quali le comunicava che il figlio Simone aveva un tumore. Ma sospettava che l’uomo potesse mentire relativamente a questo aspetto.

Da Giulianova ad Ancona non è mai più tornata. La donna è stata rinvenuta poi cadavere a Tolentino lungo l’alveo del fiume Chienti. Arrestati per omicidio in concorso ed occultamento di cadavere Simone e Giuseppe Santoleri, figlio ed ex marito della pittrice, che, nel corso dell’interrogatorio di garanzia di fronte al gip, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Ma emergono nel frattempo elementi inquietanti.

Da una delle testimonianze rese agli investigatori, ce ne sarebbe una che attesterebbe il fatto che Simone Santoleri, già in passato, avrebbe messo del veleno per topi nella minestra della madre, con la quale non aveva buoni rapporti. Ma Simone avrebbe confidato ai suoi legali che a compiere il gesto sarebbe stata un’altra persona.

Secondo gli inquirenti l’omicidio di Renata Rapposelli si sarebbe consumato al termine di una lite che ha avuto luogo per motivazioni di tipo economico: “Sei una t… dopo tanti anni vieni a riprenderti quello che hai lasciato”. Queste le parole con le quali Simone Santoleri si sarebbe rivolto alla madre quel giorno e riferite da una istruttrice della palestra Blufitness, che si trova sotto la casa dei Santoleri.

 

In una prima fase, Simone avrebbe dichiarato che Renata aveva manifestato la volontà di tornare ad Ancona e che si sarebbe offerto di accompagnarla. Successivamente la versione è cambiata: ad accompagnare Renata sarebbe stato Giuseppe Santoleri.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net