giovedì, Ottobre 28, 2021
Home > Italia > Una petizione per avere “Verità e Giustizia per Pamela Mastropietro”

Una petizione per avere “Verità e Giustizia per Pamela Mastropietro”

< img src="https://www.la-notizia.net/verità.jpg" alt="verità"

“La comunità ha grandi colpe, dietro di lei ci sono organizzazioni ecclesiastiche e, soprattutto, il destino di altre persone. Devono essere responsabilizzate. Chiediamo Giustizia e Verità per Pamela Mastropietro. No alla scarcerazione degli indagati. Pena esemplare per il rispetto di Pamela della sua famiglia e di tutti gli italiani. Il gruppo nato su Facebook “Verità e Giustizia per Pamela Mastropietro” fondatore Gianni Bordoni e noi singoli cittadini ci mobiliteremo perché sia fatta GIUSTIZIA. Partiamo da qui. Diventiamo in tanti. Tutti per PAMELA”.

Una petizione perché sia fatta giustizia per Pamela Mastropietro, la giovane di 19 anni che ha trovato la morte in modo atroce dopo essersi volontariamente allontanata dalla Comunità di recupero Pars di Corridonia. Il suo cadavere è stato rinvenuto fatto a pezzi e chiuso in due valigie nelle campagne di Pollenza.

L’esame autoptico ha ravvisato due coltellate al fegato che hanno avuto “un ruolo nel determinismo morte”, una lesione profonda “prodotta quando la giovane era ancora a cuore battente” e un colpo inferto alla testa con un corpo contundente in condizioni di vitalità dei tessuti.

Quando è stata accoltellata, quindi, la giovane era ancora viva. E aveva anche una lesione al volto, come se fosse stata picchiata. E’ molto probabile che abbia tentato di opporre resistenza ad un tentativo di stupro e che il suo diniego le sia costato la vita.

Il gruppo Facebook “Verità e giustizia per Pamela Mastropietro” lancia così un appello perché chi l’ha uccisa riceva una pena esemplare e perché la rete di assistenza che avrebbe dovuto proteggerla e non l’ha fatto si assuma le proprie responsabilità.

La petizione è stata promossa da Valentina Barigelli e Gianni Bordoni. Sulla vicenda di Pamela ci sono ancora molti aspetti da chiarire e molti tasselli da mettere a posto. Nel frattempo è stata chiesta dai legali della difesa la scarcerazione per Desmond Lucky e Lucky Awelima, sui quali pende l’accusa, come anche per Innocent Oseghale, di omicidio, occultamento e vilipendio di cadavere. E’ attesa a questo proposito la decisione del gip.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net