martedì, Ottobre 26, 2021
Home > Italia > Tutti gli occhi puntati sul PD. Renzi: “Non fonderò un nuovo partito”

Tutti gli occhi puntati sul PD. Renzi: “Non fonderò un nuovo partito”

< img src="https://www.la-notizia.net/renzi.jpg" alt="renzi"

Oggi, ad una settimana dal voto, si riunirà la direzione del PD, che ratificherà le dimissioni di Matteo Renzi. Prende così il via il processo che porterà a decretare il nuovo segretario.

Sarà il vice Martina ad avere l’onere di condurre il Pd verso l’Assemblea nazionale. Nel mentre Renzi conferma le proprie dimissioni, ma nello stesso tempo allontana l’idea di fondare un nuovo partito: “Continuerò semplicemente a fare il Senatore”.

E ancora: “Il PD deve stare all’opposizione. Il Movimento 5 Stelle e la Lega dovrebbero fare un governo insieme”. Nel mentre da Berlusconi arriva un appello al PD: “Il PD deve assumersi la responsabilità di dare all’Italia al governo”. E frena sulla possibilità di un’intesa con i grillini.

“E’ Salvini  – dichiara Berlusconi – che deve dettare la linea, ma ciò non esclude che si possa verificare una convergenza con altre forze politiche”. Nel mentre Il M5S apre al dialogo a tutte le forze politiche per tentare di fare il governo.

Sulla pagina Facebook di Matteo Renzi vige da qualche giorno uno strano silenzio.  L’ultimo post politico risale al 6 marzo scorso:

“Le elezioni sono finite, il PD ha perso, occorre voltare pagina. Per questo lascio la guida del partito.
Non capisco le polemiche interne di queste ore.  Ancora litigare? Ancora attaccare me?
Nei prossimi anni il PD dovrà stare all’opposizione degli estremisti. Cinque Stelle e Destre ci hanno insultato per anni e rappresentano l’opposto dei nostri valori. Sono anti europeisti, anti politici, hanno usato un linguaggio di odio.

Ci hanno detto che siamo corrotti, mafiosi, collusi e che abbiamo le mani sporche di sangue per l’immigrazione: non credo che abbiano cambiato idea all’improvviso.  Facciano loro il Governo se ci riescono, noi stiamo fuori.  Per me il PD deve stare dove l’hanno messo i cittadini: all’opposizione. Se qualcuno del nostro partito la pensa diversamente, lo dica in direzione lunedì prossimo o nei gruppi parlamentari.  Senza astio, senza insulti, senza polemiche: chi vuole portare il PD a sostenere le destre o il Cinque Stelle lo dica. Personalmente penso che sarebbe un clamoroso e tragico errore.
Qualcuno dice che le dimissioni sarebbero una finta, qualcuno che starei per andare in settimana bianca. Le dimissioni sono vere, la notizia falsa.  Mi stupisce che certe cose diventino l’apertura dei siti, emozionino le redazioni, intrighino i giornali. Parlare di me – ancora – è inspiegabile. Sono altri, adesso, a guidare il Paese: occupatevi di loro, amici dell’informazione”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net