sabato, Gennaio 23, 2021
Home > Italia > Gioco d’azzardo: ogni italiano ha speso in media 1.586 euro in un anno

Gioco d’azzardo: ogni italiano ha speso in media 1.586 euro in un anno

< img src="https://www.la-notizia.net/direttore" alt="direttore"

ROMA – Gli italiani, un popolo di giocatori d’azzardo. Nel 2016 sono stati spesi 96 miliardi di euro per giocate, scommesse, lotterie, macchinette slot e altro che riguarda il gioco d’azzardo legale. In pratica il triplo dei soldi dell’ultima Manovra Economica. Secondo le cifre dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli circa 75 miliardi sono puntate fatte fisicamente in lotterie, negozi di scommesse sportive, giochi con le slot e simili, mentre più di 21 sono stati spesi a livello telematico.

Di questa enorme cifra ha beneficiato in parte l’Erario che ha incassato 10 miliardi, mentre per i giocatori la perdita collettiva è stata di ben 18 miliardi di euro. L’aumento della cifra complessiva è stata del 7,8% rispetto al 2016. Il maggior flusso di denaro è finito nelle slot machine e videolottery con il 51% della raccolta di soldi.  Le macchinette sono oltre 418.000 in tutto il territorio nazionale; un apparecchio ogni 143 abitanti. Altri giochi diffusi il Lotto e le Lotterie con il 17,7% dei soldi puntati. Interessante che a livello procapite, la spesa nel 2016 è stata di oltre 1.586 euro a persona. Pur essendo una media, si può calcolare che una famiglia di tre persone, spenda al mese 396 euro per giocare o sperare in  una vincita che di soliti riguarda sempre una piccola minoranza di persone.

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *