martedì, Ottobre 19, 2021
Home > Marche > Luca Traini, consulenza difesa: “Incapace d’intendere e di volere”

Luca Traini, consulenza difesa: “Incapace d’intendere e di volere”

< img src="https://www.la-notizia.net/luca.jpg" alt="luca"

Il 3 febbraio, quando Luca Traini sparò contro i migranti  a Macerata con la sua pistola Glock, era incapace di intendere e di volere. Ad affermarlo sarebbe una consulenza affidata dalla difesa del 28enne di Tolentino a uno psichiatra bolognese. Ad armare la sua mano la sete di vendetta per la tragica fine di Pamela Mastropietro.

“Volevo vendicare Pamela e fare qualcosa contro l’immigrazione, perché il fenomeno dell’immigrazione clandestina va stroncato”. Questo è quanto avrebbe dichiarato il giovane nelle sue dichiarazioni spontanee davanti ai carabinieri di Macerata.

“Ero in auto e stavo andando in palestra quando ho sentito per l’ennesima volta alla radio la storia di Pamela. Sono tornato indietro – avrebbe raccontato – ho aperto la cassaforte e ho preso la pistola”.

Dalla casa della madre di Traini i carabinieri hanno sequestrato una copia del Mein Kampf, una bandiera con la croce celtica e altre pubblicazioni riconducibili all’estrema destra.

Il processo dovrebbe iniziare ai primi di maggio davanti alla Corte d’Assise ferma restando la possibilità per la difesa di chiedere il rito abbreviato.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net