lunedì, Ottobre 25, 2021
Home > Abruzzo > Al Centro Trasfusionale di Teramo “A scuola di arte per il sociale”

Al Centro Trasfusionale di Teramo “A scuola di arte per il sociale”

Teramo – Giovedì 29 marzo 2018 alle ore 11,00 presso i locali del centro saranno accolti degli studenti del Liceo Artistico Statale “Guido Montauti” di Teramo per un incontro di alfabetizzazione sulla tematica dell’Arte per il Sociale.
Questa iniziativa si sviluppa nell’ambito del progetto “DONO DUNQUE SONO – il Donatore e l’Artista”, organizzata dal Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) dell’Ospedale di Teramo, diretto dalla Dr.ssa Gabriella Lucidi Pressanti in collaborazione con la FIDAS TERAMO, per stimolare l’interesse e l’attenzione dei cittadini alla Cultura del Dono, ovvero sensibilizzare al dono del sangue , emocomponenti, midollo osseo, ma anche cordone ombelicale e organi, e, contestualmente informare sulle modalità di candidatura e arruolamento dei potenziali donatori.
La carenza di sangue utile alle terapie salvavita negli Ospedali è un problema che ciclicamente si ripropone in tutto il territorio nazionale, mettendo in luce la necessità di contribuire ad incrementare il numero delle donazioni. Così pure vanno implementate le altre tipologie di donazione, anch’esse insostituibili per salvare delle vite.
“A Scuola di Arte per il Sociale” nasce in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale con l’intento di far comprendere l’importanza dell’Arte, nelle sue molteplici forme espressive, come mezzo comunicativo che può andare oltre il senso dell’opera stessa quando questa viene accostata a tematiche di valore socio-sanitarie.
Le informazioni verranno veicolate attraverso criteri metodologici consigliati dall’Istituto Superiore di Sanità per la diffusione di messaggi socio-sanitari, quali quelli del “modelling” e della “peer-education”. Sempre secondo tale metodologia, finalizzata all’obiettivo di raggiungere al meglio quanti più studenti possibili, ognuno dei quali è un potenziale donatore, i ragazzi che parteciperanno all’incontro avranno il compito di riportare il vissuto dell’esperienza all’interno dell’Assemblea d’Istituto perché si possa avere, successivamente, una “ricaduta a cascata” delle informazioni apprese e della sensibilizzazione ricevuta.
Il progetto “DONO DUNQUE SONO – il Donatore e l’Artista” è iniziato il 1° dicembre 2017 con esposizioni temporanee presso i locali del S.I.M.T. di Teramo, di opere materiche di stimati artisti del nostro territorio, che hanno accolto entusiasticamente l’invito a collaborare con noi a scopo sociale: Marco Appicciafuoco, Lia Cavo, Fausto Cheng, Silvestro Cutuli, Vincenzo D’Onofrio, Alvaro Paternò, trasformando così gli spazi comuni del Centro in uno spazio d’arte, di cui tutti posso godere; non solo i donatori storici del Servizio, ma anche ogni cittadino, al fine di familiarizzare con i luoghi sanitari preposti alla donazione e quindi con la Cultura del Dono.
La ‘ratio’ della mostra è di creare un parallelismo tra il dono della creatività, che l’artista restituisce tramite la sua opera, e il dono del donatore, che si esplica nel suo donare parti di sé (sangue, emocomponenti, midollo, cordone ombelicale, organi) a beneficio della collettività. Il DONO, dunque, definisce le condizioni dell’essere Donatore e dell’essere Artista, in quanto esse sono esternazioni della ‘cultura del DONO’, che la ASL di Teramo vuole promuovere, sensibilizzando le persone attraverso l’Arte.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net