martedì, Aprile 20, 2021
Home > Italia > Pamela Mastropietro ed i nuovi orrori: per non dimenticare

Pamela Mastropietro ed i nuovi orrori: per non dimenticare

< img src="https://www.la-notizia.net/funerale" alt="funerale"

Il nulla osta dalla magistratura non è stato ancora rilasciato: e così il corpo di Pamela Mastropietro, ridotto a brandelli, attende ancora una degna sepoltura. Già non se ne parla quasi più: si fa presto a dimenticare la brutalità e l’orrore, perché ogni giorno c’è sempre un nuovo orrore a cui prestare attenzione. Eppure la storia di questa giovane fa accapponare la pelle, non solo per le modalità in cui è stata uccisa e fatta a pezzi, ma anche per tutto quello che sottende alla sua triste fine: Pamela poteva essere fermata, poteva non essere lasciata andare.

Ma poi, ogni giorno, e, purtroppo, ormai, spesso nelle Marche, accadono nuovi fatti che fanno emergere una realtà sommersa fatta di brutalità e di orrore. Ultimo in ordine cronologico, ma non in ordine di importanza, quello che proprio nella giornata di oggi vede protagonista l’Hotel House di Porto Recanati, nei pressi del quale è stato rinvenuto un vero e proprio cimitero di invisibili. E lì, ancora resti di esseri umani, tra cui, molto probabilmente, quelli di Cameyi Mossammet, la 15enne bengalese scomparsa da Ancona la mattina del 29 maggio 2010. La giovane doveva andare a scuola ma non arrivò mai in classe. In relazione alla sua scomparsa erano state formulate diverse ipotesi tra cui anche quella relativa ad un sequestro finito tragicamente.

Nel vicino Abruzzo invece si indaga invece sul brutale omicidio di Alessandro Neri, giovane scomparso da Spoltore e rinvenuto cadavere l’8 marzo. Una brutalità, questa, a cui i fatti di cronaca ci stanno abituando, ma alla quale non dobbiamo divenire avvezzi.

In molti, tra gruppi Facebook e comitati locali, si stanno stringendo intorno alla famiglia di Pamela Mastropietro perché la sua orribile fine non venga dimenticata e perché nessuna vittima venga dimenticata. Ma, trascorsi solo due mesi, l’atmosfera intorno al caso si sta facendo rarefatta, quasi inconsistente. I nuovi orrori non annullano i precedenti. Al contrario, dovrebbero incrementare lo sdegno. Vite umane stroncate come se nulla fosse, come se non avessero più alcun valore, devono necessariamente farci rabbrividire ogni volta che accade. Perché potrebbe accadere a chiunque. Non sono fatti così lontani da noi. Il povero corpo di Pamela Mastropietro attende ancora una degna sepoltura. E ancora non è ben chiaro che cosa sia accaduto. L’unica cosa certa è che è stata brutalmente uccisa e che non è morta di overdose come inizialmente qualcuno ha cercato di far credere. Gli inquirenti lavorano senza sosta e si spera che, in tempi brevi, si possano avere verità e giustizia per questa giovane che aveva ancora tutta la vita davanti e tanti sogni stroncati dall’orrore subito. Ma verità e giustizia si devono ricercare per tutti coloro la cui esistenza trova una fine tanto atroce quanto ingiusta.

Lucia Mosca

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *