lunedì, Ottobre 18, 2021
Home > Italia > Partito Democratico, immobilismo per favorire il ritorno alle urne?

Partito Democratico, immobilismo per favorire il ritorno alle urne?

< img src="https://www.la-notizia.net/partito" alt="partito"

In politica troppo spesso si vende la pelle dell’orso prima di averlo ucciso: il Partito Democratico, dopo il disastroso risultato elettorale, si trincera dietro un immobilismo che, solo apparentemente, dipende dalla propria crisi interna. Riflettiamoci bene. Matteo Renzi, dato per finito, continua a dirigere i giochi ed a tessere la tela. Nel mentre Lega e M5S vanno avanti ognuno per la propria strada. Matteo Salvini, leader del centrodestra, ha mostrato grande maturità politica nel gestire la situazione, facendo passi indietro e di lato.

Luigi di Maio pone la questione del proprio investimento a Premier come un fatto di rispetto della democrazia. In tutto questo il PD tace e si limita a seguire le indicazioni post-voto di Renzi che ha chiaramente manifestato la volontà del partito di stare all’opposizione. Se Luigi di Maio e Matteo Salvini non saranno in grado di trovare una soluzione e di dare così voce ai propri elettori, si tornerà molto probabilmente al voto. Ma con quali prerogative? La sensazione percepita dagli italiani sarà forse quella di aver dato un voto inutile.

Dopo anni in cui il governo non è stato espressione della volontà dei cittadini, sarebbe per tutti una grande delusione. E’ questo che vuole il PD? Ricostruire il proprio assetto in attesa che si torni alle urne? Strategicamente potrebbe essere così. In effetti sembra quantomeno insolita questa improvvisa arrendevolezza del Partito Democratico che finge di essere morto e si mette da parte. La prospettiva potrebbe essere quella di mettere così i bastoni tra le ruote al primo partito ed alla prima coalizione per far sì che si torni al voto. Ora sta alla Lega ed al M5S fare in modo di dare concreta attuazione alla volontà degli italiani manifestata attraverso le indicazioni fornite il 4 marzo ed evitare una nuova tornata elettorale. Perché non è detto che il risultato possa essere lo stesso.

Matteo Salvini scrive su Facebook: “Il mio obiettivo è andare al governo, per trasformare in fatti le idee che gli italiani hanno appoggiato e votato. Dalla tassa unica al 15% all’abolizione della legge Fornero, dall’Autonomia alla tutela dei prodotti italiani, dalla legittima difesa all’espulsione dei clandestini.
Siamo disposti a dialogare con tutti ma non saremo subalterni a nessuno, visto che il centrodestra è la coalizione più votata dagli italiani”. Ma anche il M5S dice la sua. Ne vedremo delle belle.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net