martedì, Ottobre 19, 2021
Home > Marche > Una boccata di ossigeno per le farmacie rurali che fanno, ancora, i conti con il terremoto

Una boccata di ossigeno per le farmacie rurali che fanno, ancora, i conti con il terremoto

Importante notizia per i titolari delle farmacie rurali marchigiane: infatti, la Regione Marche ha accolto l’indicazione del ministero della Salute in merito al calcolo del fatturato annuo del servizio sanitario nazionale delle farmacie per la determinazione degli sconti agevolati alle farmacie rurali e a basso reddito.

“Un’autentica boccata di ossigeno per le farmacie rurali che sul nostro territorio fanno, ancora, i conti con il terremoto – ha spiegato Pasquale D’Avella, presidente di Federfarma Marche .

È una nuova “ possibilità, insomma, di aiutare la categoria – prosegue – anche con provvedimenti concreti che restituiscono la misura delle difficoltà che ogni giorno si registrano nelle zone del così detto ‘cratere’”.

Dunque i titolari delle farmacie rurali marchigiane dovranno tenere conto che Il calcolo del fatturato, va dunque fatto al netto dell’Iva, al netto della quota di compartecipazione alla spesa dovuta dall’assistito, al netto dello sconto, al netto della “distribuzione per conto” e al netto dell’assistenza integrativa.

“E’ importante e apprezzabile – ha aggiunto D’Avella – che la Regione Marche, diversamente da quanto fatto altrove, abbia seguito l’indicazione del parere ministeriale perché solo in questo modo è possibile sostenere le ‘casse’ delle farmacie più deboli e fragili”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net