martedì, Ottobre 26, 2021
Home > Italia > L’Italia ancora senza governo: Di Maio detta regole, Salvini cerca una soluzione

L’Italia ancora senza governo: Di Maio detta regole, Salvini cerca una soluzione

salvini

Di Maio vuole trattare solo con Salvini escludendo Sivlio Berlusconi, ma nel frattempo si affaccia l’ipotesi PD. Salvini si dice disponibile al dialogo ma non a tradire la coalizione. L’unica cosa certa è che, trascorso oltre un mese dalle elezioni, il Paese è ancora senza governo. Ora bisognerà vedere per chi è più importante la poltrona e per chi, invece, la priorità è dare stabilità all’Italia.

“Vorrei, finalmente – scrive Matteo Salvini sul proprio profilo Facebook – , un governo scelto dai cittadini.
Se il voto degli italiani conta, è giusto che la coalizione che ha preso più voti abbia la responsabilità di governare. Cancellare la legge Fornero, tagliare sprechi e burocrazia, difendere l’Italia dalle disastrose politiche europee, ridurre le tasse a famiglie, lavoratori e imprenditori, garantire il diritto alla legittima difesa, valorizzare comunità e autonomie, controllare i confini ed espellere i clandestini. Si parte da qui, di altro si può discutere.
In settimana continuerò a dialogare con altri (a cominciare da Di Maio) l’unica cosa che escludo è di fare un governo insieme al PD, che ha fatto disastri negli ultimi sei anni.
Se ci saranno i numeri per governare sarò orgoglioso di farlo, altrimenti meglio tornare ad ascoltare gli italiani. Spero che nessuno voglia perdere tempo o tirare a campare senza fare nulla”.

Netto Di Maio che non esita a ribadire nuovamente le proprie posizioni: “Vedo che la Lega ha promesso il cambiamento, ma preferisce tenersi stretto Berlusconi e condannarsi all’irrilevanza. Adesso per completare l’opera, consiglio a Salvini di chiedere l’incarico di Governo al Presidente Mattarella e di dimostrare come possa governare con il 37%. Da noi la grande ammucchiata non avrà un solo voto. Quando Salvini vorrà governare per il bene dell’Italia ci faccia uno squillo, gli diremo se saremo ancora disponibili a lavorare con lui al contratto di Governo”.

Sarebbe logico che la coalizione che ha ottenuto più volti governasse insieme al partito che ha preso più voti. Ma spesso, o quasi sempre, la logica non va di pari passo con la politica. Staremo a vedere.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net