martedì, Ottobre 26, 2021
Home > Marche > Identificato il cadavere del Tronto: il riconoscimento da parte della sorella

Identificato il cadavere del Tronto: il riconoscimento da parte della sorella

GROTTAMMARE – Il cadavere rinvenuto lungo l’alveo del fiume Tronto il 26 dicembre ora ha un nome. Si chiamava Roberto Brutti ed aveva 62 anni. Non era un clochard. Viveva a Grottammare mentre sua sorella risiede a Porto d’Ascoli. Fondamentale l’apporto della donna, che ha effettuato il riconoscimento. L’uomo non era sposato. Del caso si era occupato anche il programma “Chi l’ha visto?”. Era dipendente di una ditta e svolgeva le proprie attività a Monsampolo del Tronto. Qualcuno pensava che l’uomo potesse trovarsi all’estero in quanto era appassionato di viaggi e amante dei paesi dell’est europeo.

Al momento del rinvenimento del cadavere, l’uomo non aveva con sé documenti.  In prossimità del corpo erano stati avvistati un materasso e coperte e questo aveva fatto desumere che si trattasse di un clochard. Nulla di tutto questo.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net