giovedì, Ottobre 28, 2021
Home > Italia > Maxi sequestro di armi: i carabinieri di Gorizia arrestano cittadino bosniaco

Maxi sequestro di armi: i carabinieri di Gorizia arrestano cittadino bosniaco

grottammare

Il pomeriggio del 19 aprile 2018, sul tratto autostradale A34 Villesse – Gorizia, nell’ambito di pianificati controlli di retrovalico, finalizzati al contrasto dell’immigrazione clandestina e dei traffici illeciti di merci con implicazioni trans-frontaliere, condotti unitamente alla componente del nucleo radiomobile della locale compagnia dei carabinieri, i militari di Gorizia hanno fermato un’autovettura Peugeot 206 con targa svizzera, proveniente dalla Slovenia, condotta da C.J, 52 anni, cittadino bosniaco.

L’autovettura è stata bloccata dopo che aveva appena varcato il valico di Gorizia – Sant’Andrea, confine di stato con la Slovenia, poco prima dello svincolo di Gradisca d’Isonzo.

I carabinieri si sono immediatamente insospettiti per l’incongruità delle dichiarazioni fornite dallo straniero in merito ai motivi del viaggio ed alla disponibilità del veicolo noleggiato in Svizzera. Così, a seguito di una prima ispezione, è stato rinvenuto un borsone, collocato nel vano bagagli, contenente due pistole Beretta semiautomatiche.

La circostanza ha indotto i militari a condurre lo straniero presso la sede del Comando provinciale dove è stata effettuata una scrupolosa perquisizione dell’autovettura, al cui interno è stato rinvenuto un ingente quantitativo di armi da guerra, alcune delle quali con matricola abrasa, perfettamente funzionanti e con relativo munizionamento:

  • 2 pistole mitragliatrici SKORPIO;
  • 6 fucili mitragliatori KALASNIKOV FABBRICAZIONE EX JUGOSLAVIA;
  • 1 carabina cal. 22;
  • 1 fucile a pompa;
  • 1 gruppo ottico per fucile di precisione;
  • 6 caricatori per pistola mitragliatrice  KALASNIKOV;
  • 1 caricatore per pistola BERETTA 92 FS;
  • 6 caricatori per pistola mitragliatrice SKORPIO;
  • 2 silenziatori artigianali privi di matricola;
  • 20 proiettili 7,65 SB;
  • 2 pistole BERETTA 92 FS

Il bosniaco è stato tratto in arresto per i reati di porto, detenzione e trasporto di armi clandestine da guerra e tradotto nel carcere circondariale di Gorizia a disposizione del pm della locale procura della Repubblica. L’arresto è stato convalidato ieri dal Gip presso il Tribunale. E’ stata disposta la custodia cautelare in carcere.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net