mercoledì, Ottobre 20, 2021
Home > Abruzzo > Truffa e simulazione di reato: 53enne di Mosciano Sant’Angelo denunciata dai carabinieri

Truffa e simulazione di reato: 53enne di Mosciano Sant’Angelo denunciata dai carabinieri

elpidio

Nella giornata di ieri, la Compagnia Carabinieri di Giulianova ha organizzato un servizio coordinato di controllo del territorio concentrato, in particolare, nel Comune di Notaresco. Sono stati impiegati 5 equipaggi a bordo di altrettante autoradio che hanno identificato 53 persone, controllato 39 veicoli e ispezionato 3 esercizi pubblici. Nel dispositivo di controllo sono incappati due pakistani in regola con i documenti di soggiorno, ma che viaggiavano a bordo di uno scooter Piaggio Zip probabilmente rubato, privo di matricola poiché risultata abrasa. I due stranieri sono stati quindi denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Teramo per riciclaggio mentre il ciclomotore è stato sequestrato. I Carabinieri di Castelnuovo Vomano, invece, hanno rintracciato e tratto in arresto un sessantacinquenne di Castellalto, su cui pendeva una condanna a 10 mesi di reclusione del Tribunale dell’Aquila per bancarotta fraudolenta. L’uomo, dopo le formalità di rito, è stato accompagnato presso la propria abitazione dove vi permarrà agli arresti domiciliari fino a cessata pena. I Carabinieri di Castelnuovo Vomano, infine, hanno scoperto un raggiro ai danni di una compagnia assicurativa e di un’azienda di autonoleggio: una cinquantatreenne di Mosciano Sant’Angelo, infatti, titolare di un’azienda di Basciano, lo scorso mese di marzo aveva denunciato ai Carabinieri il furto di un SUV Mercedes che aveva preso a noleggio. I Carabinieri invece, grazie alle indagini svolte, sono riusciti ad individuare il SUV all’estero e ad accertare che non era stato rubato bensì venduto ad un rumeno dall’imprenditrice di Mosciano Sant’Angelo, la quale è stata quindi denunciata alla Procura della Repubblica di Teramo per truffa e simulazione di reato. Il SUV è stato sequestrato e verrà quanto prima restituito ai titolari dell’azienda di autonoleggio, convinti anche loro che il veicolo fosse stato rubato e non venduto fraudolentemente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net