giovedì, Febbraio 25, 2021
Home > Italia > Francavilla, una famiglia sterminata: storia della tragedia

Francavilla, una famiglia sterminata: storia della tragedia

< img src="https://www.la-notizia.net/assicurazione" alt="assicurazione"

FRANCAVILLA – I familiari li definiscono una coppia assolutamente normale. Quello che è certo è che tutto ha avuto inizio con un litigio ieri mattina. Poi il caos, la follia, tre tragedie una di seguito all’altra. In ore convulse come quelle della giornata di ieri sono trapelate le informazioni più disparate. Ma ora i contorni della vicenda si fanno via, via, più chiari. Potrebbe trattarsi di suicidio, ma esiste anche il sospetto che Fausto Filippone possa avere un ruolo nella vita della moglie, insegnante, morta poco dopo in ospedale a Chieti per le gravi lesioni riportate. Poi è seguito l’orrore a cui tutta l’Italia ha assistito con il fiato sospeso. L’uomo ha generato il panico a Francavilla al Mare (Chieti), dopo aver lanciato la figlioletta di 10 anni dal ponte del viadotto dell’autostrada A14 in contrada Vallemerlo. All’arrivo dei soccorritori l’uomo ha minacciato a sua volta di gettarsi nel vuoto, non consentendo loro di intervenire e di avvicinarsi alla bambina.

Infine, dopo 7 ore di tentativi per farlo desistere, Fausto Filippone si è lanciato dal viadotto dell’ A14.  L’uomo avrebbe urlato “Scusa”. Ai Vigili del fuoco sul posto per soccorrerlo con un telo gonfiabile: “Andatevene con quell’affare”. L’uomo, di Chieti Scalo, è descritto da conoscenti e amici come una persona normale, tranquilla. Aveva sposato l’insegnante nel 2006 e nel 2008 era nata la bambina. Poi dopo anni 12 anni di vita insieme, ieri, per motivazioni che si chiariranno forse con il tempo, ha avuto inizio la giornata dell’orrore. Di fronte all’uomo, sull’autostrada chiusa al transito, c’è stato per ore un ‘mediatore’, che ha cercato di stabilire con lui un contatto. L’uomo ha continuato a urlare a investigatori e soccorritori di non avvicinarsi alla bimba, minacciando in caso contrario di gettarsi nel vuoto. E adesso la storia è chiusa, con tre morti. Una tragedia nella tragedia. E proprio mentre i Vigili del fuoco stavano allestendo il telone, l’uomo deve aver preso coraggio. E a quel punto si è lasciato andare. Ora è il momento del silenzio.

Lucia Mosca

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *