venerdì, Novembre 27, 2020
Home > Mondo > Il governo Italia preoccupa l’Europa. Scoppia il caso Conte: alla New York University non risulterebbe il suo nome

Il governo Italia preoccupa l’Europa. Scoppia il caso Conte: alla New York University non risulterebbe il suo nome

pandemia

“Non abbiamo esaminato ancora tutte le questioni, ascolteremo e parleremo con loro, ma sì, ci sono alcuni elementi preoccupanti” nelle idee di politica commerciale del nuovo governo italiano. Così la commissaria Ue al Commercio, Malmstroem. “Il nuovo governo non è ancora stato confermato, quindi non abbiamo ipoteticamente discusso” con nessun interlocutore dell’esecutivo che sarà formato a breve, ha precisato la commissaria. Il governo italiano, che sta cercando di nascere, preoccupa l’Europa. E non poco. “Noi riteniamo molto importante che il nuovo governo mantenga la rotta e porti avanti in modo responsabile la politica di bilancio”. Così il vicepresidente della Commissione europea, Dombrovskis, in un’intervista al quotidiano tedesco di economia e finanza, Handelsblatt. Questo è necessario dal momento che “l’Italia ha il più alto debito pubblico nell’area dell’euro dopo la Grecia”, spiega Dombrovkis, secondo cui occorre “stimolare la crescita tramite riforme strutturali e mantenere il deficit sotto controllo”. Nel frattempo scoppia il caso Conte, il “premier politico” proposto al Colle. Il professore ordinario di Diritto Privato a Firenze e avvocato cassazionista vanta un lungo curriculum.Tra le sue esperienze ufficiali si citano anche alcuni stage dal “2008 al 2012″ presso la New York University, ma per il corrispondente del New York Times, Jason Horowitz:”Negli archivi della Università americana non risulta nessun Conte”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *