giovedì, Dicembre 9, 2021
Home > Marche > Gianni Balloni, Ospedale Unico: “Non resta che pregare”

Gianni Balloni, Ospedale Unico: “Non resta che pregare”

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “La coincidenza, poi slittata, della concomitante convocazione della Commissione Sanità e della Conferenza dei Sindaci, stimola qualche riflessione.

C’è un lungo affannarsi nel sostenere tesi opposte al semplice fine di convalidare o meno scelte regionali sull’Ospedale Unico, la collocazione eventuale dello stesso e sull’opportunità di realizzarlo.

L’Amministrazione Piunti, dimostrando sensibilità e preoccupazione per il presente, ha istituito la Commissione Comunale Sanità la quale, pur non avendo poteri, possa essere comunque fonte di sollecitazioni per azioni a tutela dei cittadini e della loro salute: funzionalità del nosocomio, esistenza di reparti specialistici, adeguata presenza di posti letto, servizi di emergenza, standard qualitativi, strutturali e tecnologici.

La Regione Marche, con il Presidente Ceriscioli, che inspiegabilmente, forse, trattiene per sé la delega sulla sanità, si limita a richiamare l’applicazione di norme, la riduzione dei posti letto per spending review, le formule matematiche, che nulla apportano al benessere dei cittadini, la tutela della salute necessita e merita altre logiche ed attenzioni.

Affermare poi che l’algoritmo abbia scelto ed individuato la zona migliore per l’eventuale costruzione dell’Ospedale Unico in quanto territorialmente baricentrica, dimostra il totale distacco della politica regionale dalla realtà.

Nessun riferimento alle statistiche degli interventi, al bacino di utenza, alla popolazione costiera di tutta la Riviera delle Palme che triplica durante la stagione estiva.

Che dire inoltre della estenuante polemica sulla mancata nomina del Presidente della Conferenza dei Sindaci quando, appena nominato nella figura del Primo Cittadino di Folignano, quest’ultimo si dichiara soddisfatto, chissà perché, dell’esito dell’algoritmo in quanto l’area sarebbe perfettamente baricentrica tra Ascoli e San Benedetto?

Il problema, evidentemente, non è portare i servizi dove vi è maggiore richiesta ed esigenza, per quantità di utenza, per statistica di prestazioni, per mobilità attiva e passiva, per tempestività di intervento, ma banalmente per motivi geografici.

D’altronde tra l’Ospedale Madonna del Soccorso e la zona scelta tramite l’algoritmo, Madonnina di Pagliare, vi è assonanza: non resta che pregare”.

Gianni M. Balloni

Presidente Commissione Sanità