mercoledì, novembre 14, 2018
Home > Italia > Minori: Ciatdm e Children protection world onlus: navigazione online differenziata diventi legge

Minori: Ciatdm e Children protection world onlus: navigazione online differenziata diventi legge

Sistemi di navigazione differenziata per garantire un’adeguata protezione ai minori in rete. E’  quanto prevede il progetto di legge elaborato dal Ciatdm,(Coordinamento internazionale associazioni per la tutela dei diritti dei minori), da  Children Protection World Onlus, e presentato alla stampa la scorsa settimana proprio nel giorno in cui il commissario dell’Autorita’ per le Garanzie nelle comunicazioni, Antonio Martusciello, ha indicato internet of toys, big data e identita’ virtuale come i nuovi grandi pericoli per i baby internauti. “Il Ciatdm e Children protection world onlus – ricorda la presidente del Ciatdm nonché vice presidente di Children protection world onlus, AureliaPassaseo -già  nel 2002 ha promosso e sostenuto con la Fondazione Safety World Wide Wew il Codice di Autoregolamentazione che è stato poi nel novembre del 2003 sottoscritto dagli ex ministri Gasparri, Stanca e dalle associazioni di provider. Il progetto di legge altro non e’ che la ripresa di quella parte del Codice riguardante la tutela dei minori  che per contrastare la pedopornografia, il cyberbullismo e l’adescamento in rete mettano a disposizione di chiunque acceda al web (famiglie, educatori, scuole, aggregazioni giovanili, internetpoint, biblioteche) prevede che  i provider offrano servizi di navigazione differenziata.  “. Nel testo, tra l’altro è previsto  che i provider aderenti al Codice – siano inseriti in un elenco ad hoc che sarà istituito presso il Ministero per lo Sviluppo Economico (in quanto attualmente il Ministero delle Comunicazioni è accorpato con il Ministero per lo Sviluppo Economico) – Infine per i provider scatta anche l’obbligo di utilizzare sistemi di individuazione dell’eta’ dell’utente nel rispetto delle norme sul trattamento dei dati personali e di tutela della privacy, con particolare attenzione ai dati relativi agli utenti minori. Ai provider aderenti al Codice che non rispettano quanto prescritto dagli articoli del progetto di legge vengono  applicate sanzioni amministrative.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: