lunedì, Novembre 29, 2021
Home > Abruzzo > Pescara, operazione della Finanza: 4 arresti per spaccio di stupefacenti ed estorsione

Pescara, operazione della Finanza: 4 arresti per spaccio di stupefacenti ed estorsione

Pescara – Nella giornata di ieri, a seguito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Teramo, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pescara hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 4 soggetti per i reati di spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione.

I Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, a seguito di articolatae complessa attività d’indagine, riuscivano, nel mese di marzo 2018, a trarre in arresto un 28enne della provincia di Pescara che venne trovato in possesso di circa 30 grammi di sostanze stupefacenti di vario tipo (cocaina, pasticche, hashish e ketamina), molto inuso soprattutto fra le fasce più giovani d’età, oltre a circa 11.000 euro in denaro contante.

Lo sviluppo investigativo permetteva di accertare che l’arrestato aveva posto in essere una fiorente attività di spaccio di sostanze stupefacenti nella città di Pescara e nella zona di Silvi (TE), con la complicità di due cugini trentenni, entrambi residenti a Silvi.

Proprio costoro, nel periodo delle ultime festività natalizie, si rendevano responsabili, unitamente ad un altro 34enne di Silvi, del reato di estorsione in danno di alcuni acquirenti che non avevano pagato lo stupefacente ceduto loro.

Le condotte estorsive emergevano da alcune chat rinvenute sul telefono cellulare in usoall’arrestato e, in particolare, da un video, registrato il giorno di Capodanno del 2018, in cuisi poteva osservare la scena di una violenta aggressione in danno di un ragazzo picchiato selvaggiamente da due uomini mentre un terzo riprendeva la scena.

L’episodio veniva ricostruito mediante l’acquisizione di riscontri testimoniali e si accertava che il ragazzo picchiato aveva acquistato circa 6 mesi prima un quantitativo di 20 grammi di sostanza stupefacente senza corrisponderne il corrispettivo, pattuito in 1.200 euro, se non in minima parte.

L’attività investigativa permetteva di accertare l’esistenza di una lucrosa attività di spacciodi sostanze stupefacenti, posta in essere con elevato grado di professionalità ed organizzazione, che si avvaleva sovente di gravissime forme di intimidazione e di violenza fisica per il recupero delle somme di denaro dovute dai numerosi acquirenti.

Proprio la ricostruzione delle condotte estorsive nonchè dei numerosi episodi di spaccio di sostanze stupefacenti venivano rappresentati alla Procura della Repubblica di Teramo, che richiedeva per i 4 soggetti identificati la misura cautelare della detenzione in carcere.

Il GIP di Teramo, concordando con le richieste della Procura, disponeva l’arresto dei 4soggetti, di cui 3 venivano rintracciati e condotti presso la Casa Circondariale di Teramo, nelle prime ore della giornata di ieri, mentre nei confronti del quarto soggetto si procedevaa notifica dell’ordinanza presso la Casa Circondariale di Chieti, ove lo stesso risultava già detenuto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net