martedì, Novembre 30, 2021
Home > Italia > Alessandro Avenati in spiaggia col figlio. Ed il bimbo sorride

Alessandro Avenati in spiaggia col figlio. Ed il bimbo sorride

< img src="https://www.la-notizia.net/alessandro" alt="alessandro"

“Ciao Nina, sono in viaggio con nostro figlio, amici e familiari per una vacanza che ho deciso di fare col bambino. Al mio rientro ti contatterò e ti informerò sulle modalità per poterlo vedere. Sta bene”.  Questo l’sms inviato ieri da Alessandro Avenati alla ex Nina Kuluz.

Ha ritrovato un po’ di serenità Avenati, dopo anni di angoscia e di solitudine. E’ la prima volta che si trova a vivere un’esperienza insieme a suo figlio. Appena rientrato in Italia col bimbo è partito. “Voglio stare con lui e fargli conoscere bei posti, vivere insieme quello che finora non è stato possibile vivere”. Alcune foto ritraggono il bambino in spiaggia col padre mentre ridono e giocano, altre mentre fa amicizia con altri bambini. Sembra tutto fuorchè un bimbo angosciato o impaurito. Così, mentre in Croazia si discute sulle modalità dell’esecuzione, padre e figlio sono in spiaggia a divertirsi insieme. Certo, ci sono difficoltà di lingua, che però i due stanno superando. In fondo Avenati non ha avuto la possibilità di instaurare un corretto rapporto col figlio e ci vorrà ovviamente tempo per recuperarlo. Ma una cosa è certa. Lo ama profondamente e ora ha solo bisogno di trascorrere del tempo con lui.  ll 9 aprile 2011 Alessandro Avenati denunciò alla Stazione Carabinieri di Moncalieri (To) la sottrazione del minore da parte della madre che, secondo le sue informazioni, aveva fatto ritorno nella città di Spalato. Immediatamente vennero attivate le rispettive autorità giudiziarie e i canali diplomatico-consolari per il rintraccio della donna e del piccolo, che è avvenuto solo anni dopo.

In Croazia sono stati diffusi video inerenti il momento dell’esecuzione. Per il bambino si è trattato sicuramente di uno choc comprensibile, anche perché in questi anni è cresciuto con la madre, Nina Kuluz. Non avendo contatti con il padre, era ovvio che si sentisse inizialmente perso senza la figura materna. Ed infatti dovrà crescere con entrambi i genitori. Perchè lo amano entrambi. Ora dovranno essere in grado di superare le avversità legate ad una ormai annosa conflittualità di coppia e agire solo ed esclusivamente per il bene del bambino, che è dolcissimo e non merita di essere ancora infilato in un tritacarne mediatico. E’ giusto che abbia la possibilità di stare anche col padre e di conoscere il paese dal quale è stato sottratto anni fa.

Lucia Mosca

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net