domenica, 26 Gennaio, 2020
Home > Marche > Cameyi, la Procura procede per omicidio

Cameyi, la Procura procede per omicidio

Gli inquirenti rinnovano l’appello: chiunque abbia notizie utili si rechi in Questura ad Ancona o Macerata,  presso uffici di polizia giudiziaria o alla Procura di Macerata. Ormai non ci sono più dubbi: i resti ossei umani rinvenuti a fine marzo nei pressi del grattacielo multietnico ‘Hotel House’ di Porto Recanati appartengono alla 15enne bengalese Cameyi Mossamet, scomparsa da Ancona nel maggio 2010. A confermarlo i primi accertamenti medico legali di laboratorio eseguiti all’Istituto di Medicina legale di Ancona. Passa così alla Procura di Macerata il fascicolo aperto dai magistrati anconetani riguardante la giovane: l’iniziale ipotesi di sequestro di persona, archiviata e poi riaperta, cambierà in omicidio volontario e soppressione di cadavere ‘fondendosi’ con l’indagine sui resti rivenuti a Porto Recanati. A riferirlo è il Procuratore di Macerata Giovanni Giorgio, che coordina l’inchiesta affidata al pm Rosanna Buccini. Cameyi venne vista per l’ultima volta entrare all’Hotel House dove alloggiava il ‘fidanzatino’ 20enne, inizialmente indagato e ora irreperibile.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *