martedì, Dicembre 7, 2021
Home > Italia > Salvini: Basta con l’ipocrisia di Macron, paladino dell’accoglienza dei clandestini a casa nostra

Salvini: Basta con l’ipocrisia di Macron, paladino dell’accoglienza dei clandestini a casa nostra

salvini a fuori dal coro

E le navi ONG che trasportano i clandestini non toccheranno più terra in Italia

Dopo il Consiglio Europeo sui migranti svoltosi a Bruxelles Matteo Salvini lancia un avvertimento alle ONG ed al paladino dell’accoglienza a casa d’altri Emmanuel Macron.

Le navi ONG che trasportano i clandestini non toccheranno più terra in Italia, avvisa il Ministro degli Interni o verranno immediatamente sequestrate ed i relativi equipaggi e capitani verranno messi in stato di fermo per l’ipotesi di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

E Salvini ammonisce anche Macron, campione dell’accoglienza a carico del nostro Paese, ricordandogli che l’Italia non prende lezioni in materia umanitaria dopo aver accolto centinaia di migliaia di clandestini negli ultimi anni facendosene carico, mentre gli altri Paesi non rispettavano gli impegni assunti e mentre la Francia chiudeva i propri porti e respingeva bambini e donne incinte a Ventimiglia.

Per il nostro Ministro degli Interni l’Italia ha guadagnato “un rinnovato peso in Europa” e “Conte ha messo nero su bianco il discorso sulle Ong” in quanto “non sono più legittimate: si è sancito che nessuno deve interferire con il lavoro della Guardia costiera libica”.

Prosegue Salvini, “Le navi straniere finanziate in maniera occulta da potenze straniere,in Italia non toccheranno più terra” anche se “siamo a metà dell’opera in quanto l’obiettivo era anche cambiare Dublino”, ma “chi viene salvato nelle acque maltesi o italiane non necessariamente finirà in Italia”,e questo “ci aiuterà non poco”.

Nel frattempo il ministro dei Trasporti, Toninelli,in applicazione dell’art.83 del Codice della Navigazione previsto in materia di “Divieto di transito e sosta” di imbarcazioni nei porti Italiani per motivi di ordine pubblico segnalati dal ministero degli Interni, ha vietato l’attracco in Italia la nave Ong Astral, ennesimo esempio di trasporto seriale di clandestini caricati in acque libiche e trasferiti nel nostro Paese.

Stavolta la musica è davvero cambiata ed il nuovo Governo lo fa intendere in modo forte e chiaro.