lunedì, Dicembre 6, 2021
Home > Marche > Coopservice, mancato accordo sindacale sulla richiesta di 8 licenziamenti

Coopservice, mancato accordo sindacale sulla richiesta di 8 licenziamenti

< img src="https://www.la-notizia.net/consorzio" alt="consorzio"

LA UGL CHIEDE ALLA COOPSERVICE DI STOPPARE I LICENZIAMENTI FINO AL TERMINE DELL’APPALTO DI COOP ALLEANZA 3.0 IN SCADENZA IL PROSSIMO ANNO

Riceviamo dalla segreteria provinciale Ugl di Ascoli Piceno e pubblichiamo: “8 licenziamenti di addetti alla sicurezza non armata; 4 in servizio al centro commerciale Città delle Stelle di Ascoli Piceno e 4 in servizio a Porto Grande di San Benedetto del Tronto.

8 licenziamenti decisi per ragioni dal sapore speculativo; la COOPSERVICE vuole dare in subappalto il servizio, dopo averlo acquisito vincendo una gara, caricando i costi sui lavoratori che avrebbero salari taglieggiati. La procedura è stata fortemente contrastata dalle OO.SS; la richiesta di licenziamento e la proposta di subappalto, con i lavoratori costretti a pagare un prezzo indecente, è provocatoria. Si oppongono ragioni di dignità delle persone, di sacrifici economici irragionevoli, e considerazioni giuridiche sulla legittimità dello stesso atto di licenziamento.

Scontato, dopo diversi tentativi di raggiungere una quadra sindacalmente possibile, il verbale di mancato accordo. La UGL lo aveva ripetuto in tutte le salse durante l’iter delle trattative: ci sono evidenti anomalie, tagli economici inaccettabili per i lavoratori, possibili contenziosi giuridici; la gara di appalto della COOPSERVICE in COOP ALLEANZA 3.0 termina nel prossimo 2019; si arrivi a quella scadenza!

La COOPSERVICE è un’azienda di grandi dimensioni con oltre 15 mila dipendenti ed è in condizione di planare nel suo obiettivo seguendo una strada di trasparenza, invece di prendere brutte, inique e pericolose scorciatoie. Oggi, terminata negativamente la procedura di licenziamento e rimanendo i lavoratori in servizio la UGL ripropone con forza alla COOPSERVICE l’indicazione trasparente di mantenere in Città delle Stelle e Porto Grande la stessa situazione occupazionale fino al termine dell’appalto. Le donne e gli uomini che svolgono la sicurezza non armata hanno una professionalità ed una affidabilità che è un peccato disperdere”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net