sabato, Ottobre 24, 2020
Home > Marche > Furti autovetture: poliziotti ascolani seguono pregiudicati fino ad Ancona e li arrestano in flagranza/VIDEO

Furti autovetture: poliziotti ascolani seguono pregiudicati fino ad Ancona e li arrestano in flagranza/VIDEO

< img src="https://www.la-notizia.net/trastevere" alt="trastevere"

Alle prime luci dell’alba, ad Ancona, la Squadra Mobile di Ascoli Piceno, unitamente a personale delle locali Squadra Volante, Squadra Mobile e del Radiomobile dei Carabinieri, hanno arrestato 4 uomini sorpresi a rubare un’autovettura.

Ieri sera, come altre volte, la sezione “Reati contro il patrimonio” aveva predisposto un servizio di contrasto al fenomeno dei furti di autovetture, in particolari Ford, attività criminosa particolarmente concentrata nelle cittadine rivierasche, soprattutto in quelle vicine alle uscite dell’A14.

In particolare una pattuglia, nel transitare nell’area di servizio Piceno Est notava, defilata sotto una pensilina, una Ford Focus con 4 soggetti a bordo, alcuni noti al personale della Squadra Mobile come pregiudicati dediti ai furti di autovetture, che riprendeva l’autostrada in direzione Nord.

L’autovettura è stata seguita dall’equipaggio dei poliziotti ascolani sino ad Ancona, ove veniva richiesto l’ausilio della locale Squadra Volante e del radiomobile dei Carabinieri, per un migliore controllo. In centro città, in via Maggini, l’equipaggio notava scendere dall’autovettura uno degli uomini, per poi scorgerlo a bordo di un’altra Ford Fiesta. A quel punto, supponendo che l’autovettura fosse stata così rubata, si allertavano gli equipaggi della volante e del radiomobile di Ancona che fermavano la Focus in via 1° Maggio con i tre uomini, mentre la Fiesta imboccava l’autostrada ove veniva bloccato all’altezza di Loreto, ove dopo un tentativo di fuga, veniva prontamente bloccato e tratto in arresto per furto. Così pure i complici fermati dagli altri equipaggi.

Si tratta di:

R. N. cerignolano del 1990, pregiudicato per reati contro il patrimonio

R.M. cerignolano del 1989, pregiudicato per reati contro il patrimonio

D. M. cerignolano del 1987, pregiudicato per reati contro il patrimonio

B.A.A. rumeno del 1993, residente a Cerignola, pregiudicato per reati contro il patrimonio.

Dalla perquisizione è stato rinvenuto interessante materiale utilizzato dalla banda per i furti di autovetture. Sono in corso accertamenti per verificare se i quattro si sono gli autori di altri furti sul territorio marchigiano.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *