lunedì, Gennaio 25, 2021
Home > Marche > Restauro del cimitero settecentesco, il Comune di Porto San Giorgio dà l’ok al recupero

Restauro del cimitero settecentesco, il Comune di Porto San Giorgio dà l’ok al recupero

La Giunta comunale approva il recupero del cimitero settecentesco in piazza San Giorgio.

L’intervento sarà condotto da Rinnovarte Restauro. L’associazione ha avanzato la disponibilità, senza alcun onere economico per l’Ente, ad effettuare interventi di restauro conservativo. La realtà nasce dall’unione di 6 donne con professionalità molto diverse ma complementari e con l’intenzione di unire forze e risorse per il restauro conservativo di beni storici ed artistici al fine di restituirne la bellezza ed una migliore fruizione alla cittadinanza. Ciò è possibile grazie a tutti coloro che sostengono finanziariamente i progetti Rinnovarte, dalla stessa definiti “Mecenati del futuro”.

Ne fanno parte la presidente Maria Letizia Vallesi (restauratrice), Antonella Leoni, (responsabile Relazioni e ricerche), Rosanna Balestrini (art director), Viviana Vallesi (social media), Marilena Imbrescia (fotografa) e Giulia Alberti (responsabile dell’amministrazione e sviluppo).

Rinnovarte si fregia dell’esperienza e della positiva popolarità maturata nel progetto di restauro del loggiato San Rocco in Piazza del Popolo a Fermo.

L’ossario sangiorgese necessita di un intervento urgente che contrasti il cedimento delle pareti e che verrà realizzato nell’arco di circa 4 mesi. Si va dalla messa in sicurezza, all’intervento sul laterizio fino al restauro delle strutture decorative.

La proiezione di investimento per i lavori è stata stimata in circa 50.000 euro che saranno reperiti con la seguente modalità: 10.000 euro obiettivo della campagna di crowdfunding sul territorio e 40.000 da sponsorizzazioni.


Per la Giunta comunale “l’esempio di disponibilità manifestato dalle sei professioniste è da condividere, elogiare e profondere per i nobili intenti cui mira. La connotazione turistica di Porto San Giorgio, che la rende molto frequentata in estate, depone per un lancio della prima fase dei lavori già nel mese in corso”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *