mercoledì, Dicembre 2, 2020
Home > Italia > Per metà degli italiani “Finalmente ora in Europa ci ascoltano”

Per metà degli italiani “Finalmente ora in Europa ci ascoltano”

< img src="https://www.la-notizia.net/europa" alt="europa"

Da un sondaggio Ipsos risulta che secondo la metà degli italiani, grazie alle politiche comunitarie adottate nell’ultimo periodo, finalmente l’Italia ora ha recuperato la sua credibilità in Europa. Ipsos torna a sondare l’ opinione pubblica in particolare sull’argomento della migrazione, la sensazione che le persone hanno dell’atteggiamento tenuto in Europa dal nuovo governo dopo i messaggi sul fronte migratorio del ministro agli interni Matteo Salvini sono molto positivi e trasversali nell’arco costituzionale (ovviamente con l’elettorato ascrivibile al centrodestra molto favorevole).
L’appuntamento è stato seguito da 3 italiani su 4, scrive l’Ad di Ipsos Nando Pagnoncelli sul Corriere della Sera di ieri. Guardando ai dati raccolti dall’istituto si può dire che il 47% degli elettori lo considera un “successo” per la diplomazia italiana. Bisogna rilevare, però, che solo il 5% ritiene che si tratti di un successo “pieno”; molto più ampia (42%) la fetta del Paese che considera l’ultimo vertice europeo un successo, sì, ma “parziale”. Non stupisce poi trovare la maggior parte dei soddisfatti tra gli elettori pentastellati (53%) e leghisti (51%).

Sempre secondo l’ultimo sondaggio di Ipsos, al di là dell’occasione concreta fornita dal vertice di Bruxelles, in generale, il governo è già riuscito a segnare un cambio di passo nei rapporti con l’Ue. Oltre il 50% degli italiani, infatti, sarebbe convinto che l’atteggiamento del governo stia garantendo all’Italia un ruolo da protagonista nelle scelte comunitarie. Anche qui, sono gli elettori di Lega e Movimento i più entusiasti della direzione imboccata un mese fa circa con il varo della maggioranza giallo-verde.

Inoltre, scrive ancora Pagnoncelli, “abbiamo voluto conoscere le opinioni sull’annuncio di Salvini di una «Lega delle leghe», in vista delle Europee 2019 fatto a Pontida qualche giorno fa′′; il riferimento è al cartello sponsorizzato dal leader leghista che si propone di includere tutti «i movimenti liberi e sovrani che vogliano difendere le proprie frontiere e il benessere dei propri gli»”; l’annuncio, riferisce l’Ad di Ipsos, al momento, incontra il favore del 42% degli intervistati e il dissenso del 36%”.

Enrico Bolzan

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *