giovedì, Ottobre 21, 2021
Home > Italia > L’arcivescovo di Palermo: “Siamo noi i predoni dell’Africa”. Salvini: “Mio dovere pensare prima ai poveri italiani”

L’arcivescovo di Palermo: “Siamo noi i predoni dell’Africa”. Salvini: “Mio dovere pensare prima ai poveri italiani”

< img src="https://www.la-notizia.net/palermo" alt="palermo"

Un discorso senza mezze misure quello attraverso il quale monsignor Corrado Lorefice, arcivescovo di Palermo, nella Festa della Patrona Santa Rosalia, si é rivolto a Palermo, all’Italia, all’Europa, tre “velieri” che stanno affrontando una difficile navigazione. E, per quanto riguarda l’Europa, le parole sono dure come macigni: “Care Amiche, Cari Amici, siamo noi i predoni dell’Africa! Siamo noi i ladri che, affamando e distruggendo la vita di milioni di poveri, li costringiamo a partire per non morire: bambini senza genitori, padri e madri senza figli. Un esodo epocale si abbatte sull’Europa, che ha deciso di non rilasciare più permessi per entrare regolarmente nel nostro continente. E allora questo esercito di poveri, che non può arrivare da noi in aereo, in nave, in treno, prova ad arrivarci sui barconi dei trafficanti di uomini, dopo due anni di viaggio allucinante nel deserto e di detenzione in Libia”.

“Cari Cittadini – tuona – , devo gridare stasera questa verità: quelli che vengono chiamati centri di smistamento, di detenzione, quei centri che i nostri governi sollecitano e finanziano per ‘bloccare’ il flusso migratorio, spesso richiamano i campi di concentramento. E se settant’anni fa si poté invocare una mancanza di informazione, oggi no. Non lo possiamo fare, perché ci sono le prove, nella carne martoriata di questa gente, nei filmati, nei reportage di giornalisti coraggiosi (mentre giornali e telegiornali di altra fatta parlano dei migranti sulle navi come di un ‘carico’ alla maniera delle merci e delle banane!). Noi sappiamo, e siamo responsabili. E dobbiamo levarci! Giorgio La Pira era un uomo del Sud e non si scordò mai di esserlo. Noi, qui da Palermo, stasera, alziamo la nostra voce. Noi che sappiamo che cosa vuol dire essere migranti. Noi che abbiamo visto i nostri padri e i nostri nonni costretti a lasciare la loro casa, rifiutati, umiliati, buttati fuori da case e locali perché siciliani, perché italiani. Noi sappiamo e non taciamo. Cosa abbiamo fatto e cosa faremmo al posto di queste donne, di questi uomini, di questi bambini, in fuga dal nulla e dalla morte? Se fossero i nostri figli, i nostri parenti ad essere in pericolo di vita, senza cibo e assistenza, se fossero torturati e stuprati, che cosa faremmo? Una nuova epocale trasmigrazione dei popoli sta accadendo davanti ai nostri occhi, e abbiamo bisogno di chiarezza e di umiltà per capire quale società vogliamo costruire, quale risposta intendiamo dare ai segni dei tempi”.

“Con tutto il rispetto possibile per il pastore di anime – questa la risposta secca e lapidaria di Matteo Salvini su facebook – , anziché favorire l’arrivo in Europa dei poveri di tutta l’Africa, il mio dovere al governo è pensare prima ai milioni di poveri italiani”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net