domenica, Ottobre 17, 2021
Home > Italia > Di Maio-Confindustria, stilettate al vetriolo sul Decreto Dignità. Il vicepremier: “Fanno terrorismo psicologico”

Di Maio-Confindustria, stilettate al vetriolo sul Decreto Dignità. Il vicepremier: “Fanno terrorismo psicologico”

< img src="https://www.la-notizia.net/governo" alt="governo"

Stilettate al vetriolo tra Luigi Di Maio e Confindustria in relazione al Decreto Dignità. “Confindustria oggi  – scrive il vicepremier sul proprio profilo Facebook – dice che con il Decreto Dignità ci saranno meno posti di lavoro. Sono gli stessi che gridavano alla catastrofe se avesse vinto il no al Referendum, poi sappiamo come è finita. Sappiamo come finirà anche in questo caso. Non possiamo più fidarci di chi cerca di fare terrorismo psicologico per impedirci di cambiare. Il Decreto Dignità combatte il precariato per permettere agli italiani, soprattutto ai più giovani, di iniziare a programmare un futuro. Cioè permette di creare quelle condizioni che sono la base per fare impresa, per rilanciare i consumi e per creare un circolo virtuoso. Dopo anni di precariato, e di leggi che hanno massacrato i lavoratori, è ormai evidente che queste politiche non hanno aiutato nessuno: né i lavoratori, né gli imprenditori. Sono convinto che gli effetti del Decreto Dignità porteranno anche Confindustria a questa conclusione”.

Il decreto dignità “pur perseguendo obiettivi condivisibili” rende “più incerto e imprevedibile il quadro delle regole” per le imprese “disincentivando gli investimenti e limitando la crescita”. Lo ho detto il dg di Confindustria Marcella Panucci in audizione alla Camera. Per le imprese occorre “evitare brusche retromarce sui processi di riforma avviati” e vanno approvati “alcuni correttivi”, che intervengano sulle causali per i contratti a termine e sulle norme ora “punitive e poco chiare” sulle delocalizzazioni.

Il ritorno delle causali, esponendo le imprese “all’imprevedibilità di un’eventuale contenzioso, finisce nei fatti per limitare a 12 mesi la durata ordinaria del contratto a tempo determinato, generando potenziali effetti negativi sull’occupazione oltre quelli stimati nella Relazione tecnica al decreto (in cui si fa riferimento a un abbassamento della durata da 36 a 24 mesi)”. Così il direttore generale di Confindustria chiedendo modifiche ad una disciplina ”pregiudizievole” per il mercato del lavoro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net