martedì, Settembre 28, 2021
Home > Italia > Laureati che trovano lavoro: in Europa l’80%, in Italia il 55%

Laureati che trovano lavoro: in Europa l’80%, in Italia il 55%

In Europa 4 neolaureati su cinque hanno trovato lavoro nel 2017. In Italia sono appena 2 su cinque. L’ultimo report di Eurostat presenta numeri impietosi per il nostro Paese in quanto al collocamento dei nuovi dottori sfornati dalle università. Al top troviamo Malta, l’Islanda (94%) e la Germania con il 91% di chi ha un’occupazione. Molto bene nei Paesi Bassi e nella Repubblica Ceca dove il tasso di occupazione è entrambi del 90%. All’altro estremo della scala, i tassi di occupazione più bassi per i neolaureati sono in Grecia (52%) e in Italia (55%). In questo caso con i  neolaureati ci si riferisce a persone di età compresa tra i 20 e i 34 anni, che non frequentano corsi di istruzione e formazione e che hanno completato la propria formazione al massimo tre anni fa. Il livello di istruzione considerato è almeno l’istruzione secondaria superiore, quindi include anche l’istruzione terziaria. Altre cifre interessanti: Regno Unito (86%) Francia (74,4%) Spagna (71,9%). Tutto il Nord Europa si attesta sopra all’82%. La media europea è all’80,2%. Questo è il quarto anno consecutivo che il tasso di occupazione per i neo-laureati è aumentato, invertendo il calo visto tra il 2008 e il 2013.

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net