martedì, Ottobre 27, 2020
Home > Mondo > Toronto, sparatoria in strada: morta una donna, grave una bambina

Toronto, sparatoria in strada: morta una donna, grave una bambina

< img src="https://www.la-notizia.net/toronto" alt="toronto"

TORONTO – Due morti e 14 feriti, è il nuovo bilancio fornito dalla polizia sulla sparatoria avvenuta a Toronto, nel quartiere greco. Oltre all’assalitore è deceduta una giovane donna. L’uomo che ha sparato è morto in un conflitto a fuoco con gli agenti. S’indaga sulle motivazioni del gesto. “E’ presto per parlare di terrorismo”, dice la polizia. L’uomo armato ha aperto il fuoco in un’affollata zona piena di ristoranti a Toronto, ferendo 14 persone tra cui una bambina di 9 anni, che si troverebbe in condizioni critiche, prima di essere ucciso. Poche ore dopo la sparatoria, testimoni oculari hanno condiviso sui social il video del momento in cui l’uomo  ha premuto il grilletto. Il filmato è stato girato da un balcone al secondo piano e mostra un uomo, vestito di nero dalla testa ai piedi, che cammina velocemente lungo il vialetto di Danforth Avenue. Poi tira fuori una pistola mentre si volta verso la parte antistante di un negozio. I testimoni dicono che ha continuato a sparare mentre proseguiva lungo la strada, con i feriti sparsi su una vasta area. Il sindaco John Tory ha dichiarato in una conferenza stampa che “non si dovrebbe giungere a conclusioni” sul motivo dell’attacco “perché la stessa polizia non ha ancora tratto alcuna conclusione”. “Sì, abbiamo un problema con le armi“, ha aggiunto: “Le pistole sono facilmente disponibili per troppe persone”. I testimoni dicono di aver sentito almeno 20 colpi di arma da fuoco risuonare in quella che è una zona piena di ristoranti verso le 22:00 ora locale. I paramedici hanno detto ai media locali che la scena del crimine comprende una vasta area e si annoverano 14 vittime finora recuperate dalla scena, che hanno subito “lesioni significative”. Alcuni dei feriti sono stati medicati in strada, mentre altri sono stati trasportati negli ospedali della zona.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *