martedì, Ottobre 27, 2020
Home > Mondo > Cina, ordigno esplode di fronte ad ambasciata Usa

Cina, ordigno esplode di fronte ad ambasciata Usa

< img src="https://www.la-notizia.net/ambasciata" alt="ambasciata"

Un’esplosione ha scosso oggi l’ambasciata americana a Pechino: secondo i media internazionali, sarebbe avvenuta davanti all’edificio. Lo riferiscono media locali riportati da Sky News. Sui social sono stati condivisi alcuni video dell’esplosione che mostrano la zona circondata dal fumo. E’ stato un attentatore a far esplodere la bomba. “C’è stata un’esplosione, alle 13 circa, nello spazio pubblico al largo della curva sud-est del complesso dell’ambasciata”, ha detto un portavoce dell’ambasciata alla NBC.  La polizia cinese ha dichiarato che un sospetto ha fatto detonare l’ordigno e si è ferito alla mano. L’attentatore è un uomo di 26 anni, originario della regione cinese della Mongolia Interna. Il giovane ha cercato di lanciare una piccola bomba artigianale oltre il recinto dell’edificio, ma l’ordigno gli sarebbe esploso tra le mani ferendolo. Il 26enne, proveniente da Tongliao, nella Mongolia continentale, è stato identificato solo con il cognome Jiang.  Ci sarebbero anche altre persone ferite.L’esplosione è avvenuta in uno spazio pubblico fuori dall’angolo sud-est del complesso. Un testimone ha riferito a Reuters di aver visto la polizia cinese esaminare un veicolo fuori dall’ambasciata; un altro ha dichiarato che c’erano sette-otto veicoli della polizia vicino all’ambasciata e che la strada accanto al complesso era stata chiusa. Immagini e video pubblicati su Twitter hanno mostrato una grande quantità di fumo e quelli che sembravano essere veicoli della polizia che circondano la vasta struttura nel nord-est di Pechino. La polizia non ha parlato di movente, ma è probabile che il gesto sia legato alla disputa commerciale in atto tra Cina e Stati Uniti avviata dall’amministrazione Trump. Un precedente rapporto del Global Times, giornale gestito dal People’s Daily del Partito Comunista al potere, ha detto che la polizia aveva rimosso una donna che si era spruzzata di benzina in un sospetto tentativo di auto-immolazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *