venerdì, Ottobre 30, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Animavì Festival, a Cagli arriva Alba Rohrwacher

Animavì Festival, a Cagli arriva Alba Rohrwacher

Da Pergola a Cagli con la voglia di continuare ad emozionare. Dopo il grande successo di pubblico e critica della prima parte di Animavì, il festival internazionale dedicato all’animazione poetica e d’autore, diretto dal più importante regista italiano di cinema d’animazione, Simone Massi, fa tappa l’1 agosto a Cagli, in provincia di Pesaro Urbino. Nella affascinante cornice del teatro comunale l’incontro con Alba Rohrwacher che è stata anche membro della giuria del festival. «Attrice pluripremiata, dallo sconfinato talento e dalla squisita disponibilità, Alba è una amica di Animavì, a lungo inseguita, fortemente voluta», sottolinea il direttore Simone Massi. Durante la serata verrà proiettato il film ‘Lazzaro Felice’, diretto da Alice Rohrwacher  e che vede Alba nel ruolo di attrice protagonista. Al Festival di Cannes ha conquistato il premio per la migliore sceneggiatura.

Alba dopo aver recitato in numerosi film nel corso della sua carriera di attrice di cinema ha ottenuto vari premi, tra cui due David di Donatello, un Nastro d’Argento, due Globi d’oro e tre Ciak d’oro (di cui uno come Rivelazione dell’anno), la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile e tre Premi Pasinetti alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Alla serata interverranno inoltre Dario Zonta (Hollywood party – Rai Radio 3) e Mara Cerri, autrice del manifesto del film.
L’appuntamento è organizzato in collaborazione con: Regione Marche, Fondazione Marche Cultura, Unione Montana Catria Nerone, Teatro Comunale di Cagli Istituzione.
Biglietti acquistabili la sera stessa dell’evento o in prevendita su liveticket.it
A settembre poi, le date verranno comunicate a breve, arriveranno Gino Strada, fondatore di Emergency, e Wim Wenders, universalmente riconosciuto come uno dei più grandi registi del nostro tempo, un poeta del cinema. Riceverà il Bronzo dorato alla carriera del festival Animavì. Dopo Emir Kusturica e Aleksandr Sokurov, il prezioso trofeo artistico ispirato al gruppo equestre di epoca romana di Pergola, andrà al regista, sceneggiatore e produttore cinematografico tedesco, autore di pellicole come Lo stato delle cose, Alice nelle città, Paris, Texas e Il cielo sopra Berlino, che gli sono valsi numerosi riconoscimenti di carattere internazionale: Palma d’oro a Cannes nel 1984, l’Orso d’oro alla carriera al Festival del Cinema di Berlino nel 2015.
Informazioni: animavi.org
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *