martedì, Ottobre 27, 2020
Home > Italia > Freddato da 5 colpi di pistola a Trissino: si sarebbe sposato tra pochi giorni

Freddato da 5 colpi di pistola a Trissino: si sarebbe sposato tra pochi giorni

< img src="https://www.la-notizia.net/freddato" alt="freddato"

Freddato da cinque colpi di pistola dopo essere stato fermato dal killer e costretto a scendere dalla propria auto. E’ accaduto a Trissino, nel Vicentino, in via Nazario Sauro, zona piscine. Ora è caccia all’uomo. la vittima è Enrico Faggion, 39 anni, del posto. I colpi sono stati esplosi al culmine di un violento litigio. Sulla vicenda indagano i carabinieri, che sembrerebbero essere già sulle tracce dell’assassino, fuggito a bordo di una Mercedes.

Erano circa le 13 e Faggion, dipendente della MB Conveyors , ditta di Brogliano produttrice di nastri trasportatori, si trovava in pausa pranzo. Stava andando a trovare la mamma quando la Mercedes ha tagliato la strada alla sua auto. Secondo quanto riportato da vicenzatoday.it si sarebbe dovuto sposare tra pochi giorni, e per la precisione l’8 agosto, con la compagna, con la quale viveva a San Martino Buon Albergo, in provincia di Verona. Non è stato quindi raggiunto da spari partiti da un’auto in corsa – come si è ipotizzato in un primo momento – ma è stato bloccato dal killer mentre era a bordo della sua Ford Kia e costretto a scendere. Dopo un furibondo litigio l’altro ha estratto una pistola e lo ha freddato con 5 colpi, che sono stati chiaramente avvertiti dagli utenti della piscina comunale, che a quell’ora era particolarmente affollata.

Sempre nel vicentino, oggi, un operaio di origine capoverdiana, residente a Isola Vicentina e dipendente di una ditta di impianti elettrici, è stato ferito da un colpo d’arma da fuoco mentre stava lavorando su un ponteggio a Cassola (Vicenza), da un uomo che ha esploso il colpo dal terrazzo di casa. La dinamica dell’episodio ricorda quella che ha causato il ferimento della piccola bimba nomade a Roma. Lo sparatore – riferisce il Giornale di Vicenza – è stato denunciato per lesioni personali aggravate ed esplosioni pericolose.

Lucia Mosca

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *