lunedì, Settembre 21, 2020
Home > Italia > Razzismo – Martina dice: Noi suoneremo le nostre trombe. Gli italiani rispondono: Noi suoneremo le nostre campane

Razzismo – Martina dice: Noi suoneremo le nostre trombe. Gli italiani rispondono: Noi suoneremo le nostre campane

< img src="https://www.la-notizia.net/martina" alt="martina"

Razzismo – Martina dice: Noi suoneremo le nostre trombe. Gli italiani rispondono: Noi suoneremo le nostre campane. Mai come in questo caso la celebre frase di Pier Capponi pronunciata nel 1494 contro Carlo VIII di Francia può essere riutilizzata contro chi demagogicamente vuol sfruttare notizie di cronaca nera per organizzare giornate di lotta contro un presunto razzismo italiano assolutamente inesistente. E’ da tempo che personaggi facenti parte di organizzazioni di sinistra tirano fuori immotivatamente i termini fascismo e razzismo.

Le scelte politiche dei governi di sinistra, in carica fino al voto del 4 marzo, hanno sicuramente contribuito ad infastidire la popolazione Italiana che, pur essendo favorevole ad una immigrazione controllata ed ordinata, si è vista varie volte scavalcata da scelte discutibili su tutti i fronti.

Una scriteriata immigrazione clandestina, voluta demagogicamente per falsi fini umanitari –  si scopre in seguito che dietro c’era altro – ha alterato quegli equilibri di sicurezza e viver civile che gli Italiani, già sofferenti per una crisi economica oppressiva, hanno distintamente percepito. Come non ricordare il caso di Pamela, la giovane ragazza fatta a pezzi a Macerata?

Anche li la sinistra strumentalizzazione di quella politica, già varie volte bocciata dal popolo proprio per le assurde scelte imposte, ha fatto si che l’azione vendicativa di un criminale venisse utilizzata per parlare di emergenza razzismo, facendo passare in secondo piano il terribile omicidio.

Questo arrivando addirittura al punto di indire una manifestazione non a ricordo della povera Pamela, ma di solidarietà all’unico ferito lieve, ma di colore, che un pazzo criminale aveva provocato sparando all’impazzata. Non vengono invece messi in evidenza gli episodi di violenza e criminalità da parte dei clandestini nei confronti sia dei cittadini Italiani che delle stesse forze dell’ordine.

Basta vedere il filmato disponibile sul web di ciò che è avvenuto a Palermo nella piazza antistante la Stazione Centrale, dove per bloccare un clandestino salito sul tetto di un autobus, che aveva sequestrato, sono dovuti intervenire decine di agenti di polizia, numerosi Vigili urbani, una scala mobile ed un altro mezzo dei Vigili del Fuoco, oltre ad alcune ambulanze e bloccare il traffico per lungo tempo. Gli episodi degli ultimi giorni, forzatamente e strumentalmente indicati dai partiti di sinistra come episodi di razzismo, cosa non rispondente al vero, ha convinto il Segretario del PD Martina a lanciare una manifestazione per settembre contro il presunto razzismo.

Quasi come fece Carlo VIII di Francia oltre 5oo anni fa quando disse: Suoneremo le nostre trombe, indicando un imminente scontro. Ovviamente senza provocare nessuno scontro ma in contrapposizione, gli Italiani potrebbero indire una contro manifestazione, sfilando davanti al Ministero degli Interni con le mani alzate e tinte di bianco, in segno di pace e non di razzismo e gridando la celebre frase di Pier Capponi, valoroso condottiero che per nulla intimorito rispose: “Noi suoneremo le nostre campane”, indicando che avrebbe resistito con tutta la popolazione.

Bisogna smetterla di far passare il popolo Italiano come razzista e fascista perché ha bocciato e rifiutato, non condividendole, certe politiche che hanno oppresso l’Italia e gli Italiani. Continuare a sollevare questo odio ideologico può portare a scontri sociali da evitare in ogni modo.

Ettore Lembo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com